VILLA Cristina: in 150 sull'orlo del baratro

La situazione dei 105 dipendenti della casa di cura Villa Cristina è precipitata

25 Novembre 2011 - 18:31

Villa Cristina
COLLEGNO - «La situazione dei 105 dipendenti della casa di cura Villa Cristina, chiusa in attesa dei lavori di rimessa a norma, è precipitata. Non potranno accedere alla cassa integrazione in deroga a causa della formulazione della domanda da parte della proprietà. Non avranno, quindi, tale sostegno, non lavorano e non hanno prospettive per il futuro». Lo denuncia Claudio Delli Carri, segretario regionale del Nursing Up, che ieri mattina, insieme alla delegata sindacale di Villa Cristina Samantha Fascio, si è presentato all’assessorato alla sanità per esporre la drammatica situazione, ma non è stato ricevuto.

su Luna Nuova di venerdì 25 novembre

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

Ultim'ora

Collegno, stop alle auto davanti alla scuola Leumann

Collegno, stop alle auto davanti alla scuola Leumann

VIABILITA'

La cultura valsusina ha perso il maestro Marcello Oliveri

La cultura valsusina ha perso il maestro Marcello Oliveri

LUTTO

Tav, i sindaci alla De Micheli: «Una nuova "Via" è ineludibile»

Tav, i sindaci alla De Micheli: «Una nuova "Via" è ineludibile»

TORINO-LIONE

Rivoli, panettoni per il personale del Pronto soccorso

Rivoli, panettoni per il personale del Pronto soccorso

SANITA'

Rivoli: a Cascine Vica avanza il cantiere per la metropolitana

Rivoli: a Cascine Vica avanza il cantiere per la metropolitana

TRASPORTI

Alpignano, lavori al ponte al via in primavera

Alpignano, lavori al ponte al via in primavera

VIABILITA'

Villardora, al via i tamponi rapidi: ecco come funzionano

Villardora, al via i tamponi rapidi: ecco come funzionano

CORONAVIRUS

Tav, incontro governo-sindaci rinviato a venerdì mattina

Tav, incontro governo-sindaci rinviato a venerdì mattina

TORINO-LIONE

Tav: mercoledì l'incontro tra l'Unione montana e la ministra De Micheli

Tav: mercoledì l'incontro tra l'Unione montana e la ministra De Micheli

TORINO-LIONE