Alpignano, uccise il marito: assolta

Per i giudici era sconvolta per le continue angherie

19 Dicembre 2011 - 21:41

Chambarau Philomene

Philomene Cambarau, 51 anni, non è colpevole. I giudici hanno assolto la donna, che a maggio del 2008 aveva ammazzato il marito Vito Paladino con 3 colpi di pistola. L’epilogo era arrivato dopo una vita di botte e violenza. Per i giudici «non è imputabile perché incapace di intendere e di volere al momento del fatto». Difesa dagli avvocati Giampaolo Zancan, Valentino Schierano e Anna Ronfani, la donna è stata però condannata a un anno di carcere per il porto abusivo d’arma dalla matricola abrasa, la “Smith&Wesson 357 Magnum” che aveva preso per difendersi. Le violenze del marito erano rivolte non solo contro di lei, ma anche contro i figli. La donna era entrata in una vita fatta di terrore continuo, per sé e per loro, da questa situazione è nata l’idea di uccidere suo marito. In primo grado le erano stati inflitti 14 anni di carcere. Ma per i giudici del secondo grado, la Cambarau avrebbe ucciso suo marito perché le persecuzioni a cui lui l’aveva sottoposta l’avevano distrutta psicologicamente tanto da farle perdere la ragione, e portarla a uccidere chi la faceva vivere nel terrore. Da venerdì la Cassazione le ha restituito definitivamente la libertà.

Su Luna Nuova di martedì 20 dicembre


Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

AGGIORNAMENTI

Condove: brucia un pullman nel deposito di via Roma

Condove: brucia un pullman nel deposito di via Roma

INCENDIO

Trana, documenti irregolari: "bocciate" tutte e quattro le liste

Trana, documenti irregolari: "bocciate" tutte e quattro le liste

ELEZIONI COMUNALI 2022

Flash-mob in piazza Castello dalla parte dei disabili

Stefano Olivetti ed Elena Vezzani

Flash-mob in piazza Castello dalla parte dei disabili

INCLUSIONE

S.Ambrogio: salvati tre escursionisti dispersi nei boschi della Sacra

S.Ambrogio: salvati tre escursionisti dispersi nei boschi della Sacra

SOCCORSO ALPINO

Il benvenuto della diocesi di Torino a monsignor Roberto Repole

Il benvenuto della diocesi di Torino a monsignor Roberto Repole

ORDINAZIONE

Avigliana, l'ultimo saluto della città a Remo Castagneri

Avigliana, l'ultimo saluto della città a Remo Castagneri

POLITICA IN LUTTO

Grugliasco fa squadra con Film Commission e Museo del cinema

Grugliasco fa squadra con Film Commission e Museo del cinema

SVILUPPO

Rivoli, la polizia dona ai profughi scarpe e giubbotti sequestrati

Rivoli, la polizia dona ai profughi scarpe e giubbotti sequestrati

SOLIDARIETÀ

Borgone: l'autogru dei vigili del fuoco recupera le bobine rotolate in strada

Borgone: l'autogru dei vigili del fuoco recupera le bobine rotolate in strada

DISAGI