COLLEGNO

Il terzo autovelox sbarca in viale Certosa

Il nuovo impianto di Collegno operativo subito dopo l'estate

02 Luglio 2012 - 22:27

L'installazione dell'autovelox

L'installazione dell'autovelox

Gli automobilisti dal piede pesante facciano attenzione: un nuovo autovelox sta per essere attivato in città su viale Certosa, la strada che collega corso Marche a Torino con corso Pastrengo a Collegno. Per il momento si sta procedendo all’installazione dell’occhio elettronico, ma dalla fine di agosto, al più tardi all’inizio di settembre, la telecamera inizierà a multare i guidatori che supereranno il limite consentito, fissato a 70 chilometri orari. Arriva così a quota tre il numero di autovelox posizionati sul territorio cittadino.

su Luna Nuova di martedì 3 luglio


Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giorgioalessio

    03 Luglio 2012 - 12:34

    Un altro obolo, sembra di tornare ai tempi del dazio, solo hce ora è molto più salato, i comuni non hanno altro mezzo per salassare el tasche degli automobilisti, e appena esista un rettilineo che sip ossa per qualche secondo superare il limite, ormai assurdo, del codice, si trova il modo di imporre una nuova gabella. Orbene, è pur certo che la sicurezza stia al disopra delle parti, ma perchè anzitutto un corso come viale certosa contiene all'interno del suo porgetto, tanti e tali pericoli e non solo se si supera la velocita da codice, per esempio un sottopasso in curva discendente, che in uscita si restringe imporvvisamente ad una corsia verso destra e presentare poi una rotonda all'improvviso quasi come un muro? dobbiamo ricordare quante auto si sono infilate dentro quella rotonda, e questo per cosa poi, per un passaggio pedonale che poteva benissimo essere eseguito come cavalcavia, tipo pellerina, e una via secondaria per cui sipotevano pensare ben altri tipi di accesso, senza ocntare che si poteva procedere in linea retta anzichè fare tnate curve come ora. Viene da pensare che il vero pericolo non siano gli autmobilisti, ma i progettisti di simili obbrobri, e l'esempio l'abiamo con i odssi artificiali, tutti fuori legge ,ma continuano ad essitere, fuori norma, distruggono le uato e la schiena dei guidfatori, a ne fanno ancora ed ancora sepossibile più alti, lo sapete che il p"passaggio pedonale rialzato" non è contemplato dal codice della strada ? meditate gente

    Report

    Rispondi

Ultim'ora

Niente concertone, ma l'estate di Sauze si nutre di gofri e di cibo di strada

Niente concertone, ma l'estate di Sauze si nutre di gofri e di cibo di strada

APPUNTAMENTI

Alpignano, Palmieri presenta i suoi tre comitati elettorali

Alpignano, Palmieri presenta i suoi tre comitati elettorali

ELEZIONI

Un viaggio in costume tra le opere di G.A.Levis

Un viaggio in costume tra le opere di G.A.Levis

EVENTO

15 agnelli uccisi durante la notte, ma forse stavolta non è il lupo

15 agnelli uccisi durante la notte, ma forse stavolta non è il lupo

ASSIETTA

Inaugurata la nuova casa Ana a Monterotta

Inaugurata la nuova casa Ana a Monterotta

ALPINI

Tre sindaci sul confine per 40 anni di amicizia

Tre sindaci sul confine per 40 anni di amicizia

GEMELLAGGIO

Serate a caccia di stelle cadenti nel cielo valsusino

Serate a caccia di stelle cadenti nel cielo valsusino

ASTRONOMIA

«Il Piemonte deve puntare sulle fortificazioni di montagna»

«Il Piemonte deve puntare sulle fortificazioni di montagna»

REGIONE

I marinai valsusini piangono la scomparsa di Ivo Bolognesi

I marinai valsusini piangono la scomparsa di Ivo Bolognesi

LUTTO