ORBASSANO

No centrale, ok il teleriscaldamento

Orbassano, resta aperta la porta per un impianto a metano da costruire altrove

23 Maggio 2014 - 00:09

No centrale, ok il teleriscaldamento

Tramonta il progetto della centrale a biomasse, ma non quello per la rete di teleriscaldamento: il Comune di Orbassano ha infatti chiuso definitivamente il procedimento per la costruzione della centrale su terreno pubblico nella commissione territorio convocata martedì. Resta però aperta la porta per la centrale a metano, che la Cogenpower sembra interessata a realizzare su terreno privato, e che porterebbe in città l’agognata rete di teleriscaldamento.

su Luna Nuova di venerdì 23 maggio 2014


Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

AGGIORNAMENTI

L'ultimo concerto? Stasera la chiamata alle armi della musica dal vivo

L'ultimo concerto? Stasera la chiamata alle armi della musica dal vivo

SETTORE IN CRISI DA LOKCDOWN

Collegno, gli elicotteri dei vigili del fuoco al Campo volo?

Collegno, gli elicotteri dei vigili del fuoco al Campo volo?

EMERGENZA

Vaccini, parte anche Susa: oggi sono 76 le prime somministrazioni

Vaccini, parte anche Susa: oggi sono 76 le prime somministrazioni

COVID 19

Dramma a Caprie: due morti in uno scontro fra moto

Dramma a Caprie: due morti in uno scontro fra moto

TRAGEDIA

I lavori al marciapiedi di corso Laghi a rischio crollo

I lavori al marciapiedi di corso Laghi a rischio crollo

Avigliana, al via la campagna di lavori sul lago, nelle borgate e al campo da baseball

OPERE PUBBLICHE

Rivoli, tamponamento in tangenziale: traffico in tilt

Rivoli, tamponamento in tangenziale: traffico in tilt

VIABILITA'

Giaveno, oggi vaccinati i primi 80 ultra ottantenni

Giaveno, oggi vaccinati i primi 80 ultra ottantenni

EMERGENZA SANITARIA

Artefisica: quando l’arte incontra la scienza

Artefisica: quando l’arte incontra la scienza

PANNELLI, GRAFICI, FILMATI, QUADRI E SCULTURE

Vaie, fiamme nei terreni a fianco della "Floricoltura valsusina"

Vaie, fiamme nei terreni a fianco della "Floricoltura valsusina"

ROGO