RIVALTA

Panico per l'esplosione in un bar a Gerbole

Rivalta, l'ipotesi più probabile per l'incidente è una fuga di gas

01 Settembre 2014 - 22:32

Panico per l'esplosione in un bar a Gerbole

È stata con tutta probabilità una fuga di gas a provocare l’esplosione e il conseguente incendio che venerdì scorso hanno distrutto il bar Dolceamaro in via Giaveno 86 a Gerbole. Resta ora da accertare se si sia trattato di un guasto o di una manomissione volontaria. Il bar era chiuso per ferie dallo scorso 2 agosto ma soltanto due giorni prima dello scoppio i gestori avevano iniziato le operazioni di pulizia in vista della riapertura prevista per ieri. Lavori nel corso dei quali, anche inavvertitamente, si potrebbe essere verificato qualche inconveniente.

su Luna Nuova di martedì 2 settembre 2014

 


Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

AGGIORNAMENTI

Meana, tredicenne cade con la bici: ricoverato al Regina Margherita

Meana, 13enne cade con la bici: ricoverato al Regina Margherita

INCIDENTE

S.Ambrogio: va a fuoco il tetto di una casa in via Bertassi

S.Ambrogio: va a fuoco il tetto di una casa in via Bertassi

ROGO

S.Ambrogio: va a fuoco il tetto di una casa in via Bertassi

S.Ambrogio: va a fuoco il tetto di una casa in via Bertassi

ROGO

Una mimosa per tutte le donne alla biblioteca di Susa

Una mimosa per tutte le donne alla biblioteca di Susa

8 MARZO

Dalmasso e Curie-Vittorini premiati per i loro progetti green

Dalmasso e Curie-Vittorini premiati per i loro progetti green

SCUOLA

Rivoli, riapre lunedì il poliambulatorio di via Piave

Rivoli, riapre lunedì il poliambulatorio di via Piave

SANITA'

Grugliasco, la facoltà di agraria tra le prime 150 al mondo

Grugliasco, la facoltà di agraria tra le prime 150 al mondo

ISTRUZIONE

Rosta inaugura un cippo in memoria di Giorgio Perlasca

Rosta inaugura un cippo in memoria di Giorgio Perlasca

RICORDO

Da lunedì Dad in tutto il Piemonte per 2ª-3ª media e scuole superiori

Da lunedì Dad in tutto il Piemonte per 2ª-3ª media e scuole superiori

CORONAVIRUS