ALPIGNANO

Il poliambulatorio resta ancora nel mirino

Alpignano, nonostante le moltissime firme raccolte da Sel i problemi rimangono

13 Ottobre 2014 - 22:49

Il poliambulatorio resta ancora nel mirino

Poliambulatorio di Alpignanoancora nella bufera, nonostante le tantissime firme raccolte tra i cittadini da Sel per chiedere alla direzione sanitaria di porre un freno alla situazione disastrosa in cui si trova il poliambulatorio di via Philips, a partire dalle code lunghe a causa di un minor numero di persone addette allo sportello che si intensificano dopo festività e ferie del personale già scarso.

su Luna Nuova di martedì 14 ottobre 2014

 


Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

AGGIORNAMENTI

Chiusa S.Michele: incendio stasera nel cortile della Levosil

Chiusa S.Michele: incendio stasera nel cortile della Levosil

ROGO

Scialpinisti feriti in valle: tre interventi del Soccorso in poche ore

Il canale Ungherini

Scialpinisti feriti in valle: tre interventi del Soccorso in poche ore

INCIDENTI

L'ultimo concerto? Stasera la chiamata alle armi della musica dal vivo

L'ultimo concerto? Stasera la chiamata alle armi della musica dal vivo

SETTORE IN CRISI DA LOKCDOWN

Collegno, gli elicotteri dei vigili del fuoco al Campo volo?

Collegno, gli elicotteri dei vigili del fuoco al Campo volo?

EMERGENZA

Vaccini, parte anche Susa: oggi sono 76 le prime somministrazioni

Vaccini, parte anche Susa: oggi sono 76 le prime somministrazioni

COVID 19

Dramma a Caprie: due morti in uno scontro fra moto

Dramma a Caprie: due morti in uno scontro fra moto

TRAGEDIA

I lavori al marciapiedi di corso Laghi a rischio crollo

I lavori al marciapiedi di corso Laghi a rischio crollo

Avigliana, al via la campagna di lavori sul lago, nelle borgate e al campo da baseball

OPERE PUBBLICHE

Rivoli, tamponamento in tangenziale: traffico in tilt

Rivoli, tamponamento in tangenziale: traffico in tilt

VIABILITA'

Giaveno, oggi vaccinati i primi 80 ultra ottantenni

Giaveno, oggi vaccinati i primi 80 ultra ottantenni

EMERGENZA SANITARIA