AMBIENTE

Grugliasco, cervi e caprioli ringraziano e salutano il Canc

Dopo essere stati salvati e allevati, è arrivato per loro il momento di recuperare le naturali distanze e diffidenza nei confronti dell’uomo

01 Dicembre 2021 - 14:46

Clicca sulle foto per sfogliare la gallery

Tre giovani cervi e quattro caprioli: li hanno svezzati con amore i sanitari e i tecnici del Canc, il Centro animali non convenzionali della Facoltà di veterinaria, convenzionato con la Funzione specializzata Tutela fauna e flora della Città metropolitana. Dopo essere stati salvati e allevati nel centro specializzato di Grugliasco, è arrivato per loro il momento di recuperare pienamente le naturali distanze e diffidenza nei confronti dell’uomo. In questi casi gli ungulati svezzati vengono trasportati in un ambiente idoneo al loro sostentamento naturale, lontano dai centri abitati e dalle colture agricole e di notevole valenza naturalistica. Una volta “rinselvatichiti” vengono immessi nell’ambiente naturale più consono alla loro specie. Grazie alle cure dei veterinari e dei tecnici del Canc, caprioli e cervi vengono svezzati con latte di capra, il più simile a quello materno, evitando comunque il più possibile il contatto con gli esseri umani.

Acquisire una certa confidenza con le persone per cervi e caprioli è dannoso, perché li espone inutilmente al pericolo di essere catturati. Sono abbastanza frequenti i casi di cittadini che si rivolgono alla Funzione specializzata tutela fauna e flora o ai veterinari del Canc di Grugliasco per consegnare piccoli di mammiferi e uccelli selvatici rinvenuti in zone rurali o montane. Nella maggior parte dei casi, non si tratta di animali abbandonati dai genitori. I piccoli non devono essere sottratti alle cure della mamma, che spesso si aggira nei paraggi dei luoghi in cui vengono avvistati. Si deve intervenire solo quando i cuccioli sono in evidente difficoltà o sono feriti. Quando non sono in difficoltà, prelevarli significa compromettere la loro capacità di vivere nell’ambiente naturale, perché si rischia di innescare il meccanismo dell’imprinting: quegli animali perdono il loro naturale timore dell’uomo.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

AGGIORNAMENTI

Morgan

Morgan

Dalle arpe a Morgan: lo spettacolo in quota tra musica, gite e circo

APPUNTAMENTI CULTURALI

Wooden Elephant

Wooden Elephant

La musica da Boccherini a Björk

MUSICA DAL VIVO

Il francoprovenzale e la parlata della montagna di Condove

Il francoprovenzale e la parlata della montagna di Condove

CULTURA LOCALE

No Tav, parla Banchieri: «Solidarietà ai feriti, ma non si criminalizzi il Festival Alta Felicità»

Tensioni No Tav, parla Banchieri: «Solidarietà ai feriti, ma non si criminalizzi il Festival Alta Felicità»

TORINO-LIONE

Almese: 15 nuove bacheche per le affissioni pubbliche

Almese: 15 nuove bacheche per le affissioni pubbliche

TERRITORIO

Chiusa S.Michele: addio a Marco Bruno, anima della casa alpina di Bessen Haut

Chiusa S.Michele: addio a Marco Bruno, anima della casa alpina di Bessen Haut

LUTTO

Agricoltori in ginocchio: la siccità manda in fumo mezzo raccolto

Agricoltori in ginocchio: la siccità manda in fumo mezzo raccolto

COLDIRETTI

Mompantero: escursionista precipita sul Rocciamelone e perde la vita

Mompantero: escursionista precipita sul Rocciamelone e perde la vita

DRAMMA

S.Didero: il pendolo No Tav contro le recinzioni del fortino-autoporto

S.Didero: il pendolo No Tav contro le recinzioni del fortino-autoporto

FESTIVAL ALTA FELICITÀ