NO TAV

Oltre 20mila in strada a Susa, grandi numeri in valle

Sindaci e movimento in marcia contro lo spreco di fondi pubblici

16 Novembre 2013 - 13:59

Oltre 20mila in strada a Susa, grandi numeri in valle

GUARDA LA FOTOGALLERY

 

 

Era stata lanciata un po’ in sordina, non senza qualche timore. Senza un fatto scatenante di un certo peso, chessò, le trivelle che irrompono nella notte, gente ferita dai manganelli oppure presìdi dati alle fiamme, serpeggiava tra i promotori il timore che la marcia del 16 novembre a Susa potesse avere numeri inferiori rispetto al solito, prestando il fianco a quanti sostengono che i No Tav sono sempre di meno. Non è andata così, anzi. Quella di sabato pomeriggio entrerà certamente negli archivi come una delle grandi manifestazioni No Tav della storia. Non la più grande di sempre, ma in un momento apparentemente di stanca, senza obiettivi sensibili all’orizzonte, essere riusciti a portare in strada oltre 20mila persone è per il movimento un risultato di tutto rispetto. Era la stima che andava per la maggiore tra i manifestanti, e il colpo d’occhio offerto dal lungo serpentone colorato che si è snodato per le strade di Susa ne è stato la dimostrazione. Intanto domani a Roma si svolge l’atteso vertice Italia-Francia in cui si parlerà anche di Torino-Lione: una delegazione No Tav scenderà a Roma in pullman per assediare l’incontro Letta-Hollande, proprio com’era avvenuto un anno fa a Lione.

 

 

LA DIRETTA

 

ORE 16,15

Presenti anche politici ed esponenti dei sindacati: da Giorgio Airaudo (deputato di Sel) a Ivan Della Valle (deputato Movimento Cinque Stelle), dal consigliere regionale Davide Bono (Cinque Stelle) a Giorgio Cremaschi della Fiom.

ORE 15,45

Il lungo corteo ha attraversato la bretella sull'autostrada, sfociando sulla statale 24, dalla quale farà rientro nel centro della città fino sostando anche davanti all'hotel Napoleon dove albergano le forze dell'ordine. Fonti No Tav confermano le 20mila presenze, anche se manca l'ufficialità. Secondo la questura i manifestanti sono al massimo 8mila.

ORE 14,45

Sono oltre 20mila i manifestanti. Quella di oggi diventa così una delle marce più corpose mai viste in valle di Susa, nel solco della tradizione pacifica del movimento. Non si registra alcuna tensione. La stragrande maggioranza dei partecipanti è valsusina. Bandiere e colori, clima sereno e disteso.

ORE 14

È in corso la marcia No Tav. A otto anni esatti dalla storica manifestazione del 2005, il movimento torna in strada per le vie di Susa: partenza e arrivo in piazza d’Armi­. Presenti i comitati No Tav e i sindaci contrari all’opera, che esibiscono due manifesti con parole d’ordine distinte.

su Luna Nuova di martedì 19 novembre

 


Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

AGGIORNAMENTI

Morgan

Morgan

Dalle arpe a Morgan: lo spettacolo in quota tra musica, gite e circo

APPUNTAMENTI CULTURALI

Wooden Elephant

Wooden Elephant

La musica da Boccherini a Björk

MUSICA DAL VIVO

Il francoprovenzale e la parlata della montagna di Condove

Il francoprovenzale e la parlata della montagna di Condove

CULTURA LOCALE

No Tav, parla Banchieri: «Solidarietà ai feriti, ma non si criminalizzi il Festival Alta Felicità»

Tensioni No Tav, parla Banchieri: «Solidarietà ai feriti, ma non si criminalizzi il Festival Alta Felicità»

TORINO-LIONE

Almese: 15 nuove bacheche per le affissioni pubbliche

Almese: 15 nuove bacheche per le affissioni pubbliche

TERRITORIO

Chiusa S.Michele: addio a Marco Bruno, anima della casa alpina di Bessen Haut

Chiusa S.Michele: addio a Marco Bruno, anima della casa alpina di Bessen Haut

LUTTO

Agricoltori in ginocchio: la siccità manda in fumo mezzo raccolto

Agricoltori in ginocchio: la siccità manda in fumo mezzo raccolto

COLDIRETTI

Mompantero: escursionista precipita sul Rocciamelone e perde la vita

Mompantero: escursionista precipita sul Rocciamelone e perde la vita

DRAMMA

S.Didero: il pendolo No Tav contro le recinzioni del fortino-autoporto

S.Didero: il pendolo No Tav contro le recinzioni del fortino-autoporto

FESTIVAL ALTA FELICITÀ