PLURALISMO

Fondi editoria: tagli di nuovo all’orizzonte

Emendamento al Senato, una grave minaccia per i giornali locali. Mozione Pd in consiglio regionale: «Il governo ci ripensi»

21 Dicembre 2018 - 12:25

Fondi editoria: tagli di nuovo all’orizzonte

Lo avevano detto e lo hanno fatto: il Movimento 5 Stelle, con il sottosegretario con delega all’editoria Vito Crimi, aveva annunciato la riproposizione dell’emendamento taglia-fondi ai contributi diretti alla stampa, dopo il ritiro di un analogo testo alla Camera. L’emendamento alla fine è arrivato. Il testo è stato presentato in commissione bilancio al Senato e propone per i prossimi anni la progressiva riduzione dei contributi del Fondo per il pluralismo diretti alle imprese editrici di quotidiani e periodici, fino alla loro abolizione dal 1° gennaio 2022. Una minaccia grave nei confronti della libera informazione locale, mentre i grandi gruppi editoriali, finiti più volte nel mirino del M5S, non verrebbero minimamente toccati: il provvedimento andrebbe a penalizzare per lo più quegli “editori puri” che a parole il Movimento 5 Stelle dice di voler sostenere.

In provincia di Torino, più che in altre aree d’Italia, a farne le spese sarebbero in tanti: Cronacaqui, La Voce del Canavese, Sprint e Sport, Luna Nuova, Il Mercoledì, L’Eco del Chisone, La Valsusa e Il Risveglio Popolare. Si aggiungono i centri distribuzione Dld Devietti di Settimo e Seal Distruzione di Leini, nonchè una delle ultime tipografie “indipendenti” rimaste attive in Italia, la Its di Cavaglià. A beneficiare di questo fondo sono solo testate edite da cooperative di giornalisti o da fondazioni o enti morali, comunque senza scopo di lucro e con l’obbligo in statuto di non dividere eventuali utili. Nell’elenco dei beneficiari ci sono cinque quotidiani a tiratura nazionale (Libero, Avvenire, Italia Oggi, Il Manifesto, Il Foglio, editi da cooperative o Fondazioni e enti morali), decine di periodici e quotidiani provinciali e oltre un centinaio di settimanali cattolici.

A sostegno di queste numerose realtà che rischiano di essere messe in ginocchio dalla misura varata dal governo si schiera intanto il Pd in consiglio regionale: il capogruppo Domenico Ravetti ha presentato una mozione, sottoscritta da molti colleghi di maggioranza e opposizione, che impegna la giunta regionale ad adoperarsi affinchè le disposizioni normative riferite ai tagli all’editoria vengano ritirate e si avvii, con urgenza, un tavolo di confronto con tutte le categorie di questo settore. «Il maxiemendamento inserito nella legge di bilancio, attualmente in discussione al Senato - spiega Ravetti - prevede rilevanti tagli al Fondo per il pluralismo e l’innovazione dell’informazione che causerebbero la chiusura di centinaia di organi di informazione, quotidiani, settimanali, periodici, editi da cooperative no profit e da enti morali o, comunque, li costringerebbe ad una drastica riduzione dei loro organici. Il Piemonte vanta, da sempre, una grande ricchezza editoriale e la norma inserita nella legge di bilancio non ha nulla a che vedere con un’ipotesi di riforma del settore, peraltro auspicata dagli operatori stessi. È fondamentale che venga modificata una disposizione che causerebbe gravissimi danni ad un settore che, già da tempo, vive una situazione di grave difficoltà e alle tante persone che lavorano nella filiera».

La mozione verrà presumibilmente discussa nella prossima seduta del consiglio regionale, comunque entro fine anno: «Il Piemonte da sempre vanta una grande ricchezza editoriale, con circa 50 tra settimanali locali fortemente radicati sui territori di tutta la Regione, che danno lavoro a centinaia di giornalisti, senza contare l’indotto, pertanto tale norma potrebbe causare gravi danni alla filiera dell’editoriale locale - aggiunge il presidente del consiglio regionale Nino Boeti - Condivido gli appelli rivolti in questi giorni dagli editori al presidente del Consiglio Conte e al presidente della Repubblica Mattarella: si ritirino i tagli e si apra subito un nuovo tavolo di confronto con tutte le categorie del settore editoriale per rivisitare le politiche di sostegno da parte dello Stato, favorendo quindi l’innovazione e tutelando l’occupazione».

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

Ultim'ora

Collegno, l'ultimo abbraccio a Mattia, "il più monello che ci sia"

Collegno, l'ultimo abbraccio a Mattia, "il più monello che ci sia"

LUTTO

Rivoli, tutto esaurito al Don Puglisi per il primo confronto tra candidati

Rivoli, tutto esaurito al Don Puglisi per il primo confronto tra candidati

ELEZIONI

Vaie: Alpini in festa per i 90 anni di fondazione

Vaie: Alpini in festa per i 90 anni di fondazione

ANNIVERSARIO

Coazze, doccia fredda per Allais: la Commissione boccia la lista

Coazze, doccia fredda per Allais: la Commissione boccia la lista

ELEZIONI COMUNALI

Applausi scroscianti a Venaus per Mimmo Lucano, il sindaco dell'accoglienza

Applausi scroscianti a Venaus per Mimmo Lucano, il sindaco dell'accoglienza

VALSUSA FILMFEST

Colpo di scena a Venaus: l'erede di Nilo Durbiano è Avernino Di Croce

Colpo di scena a Venaus: l'erede di Nilo Durbiano è Avernino Di Croce

ELEZIONI

Caselette: sarà Giorgio Turbil lo sfidante del sindaco Banchieri

Caselette: sarà Giorgio Turbil lo sfidante del sindaco Banchieri

ELEZIONI

Almese: Farsella alza il velo sui 12 candidati della Lega

Almese: Farsella alza il velo sui 12 candidati della Lega

ELEZIONI

Sestriere: soccorso e salvato uno scialpinista sulle piste

Sestriere: soccorso e salvato uno scialpinista sulle piste

EMERGENZA