DATI FIOM-CGIL

Fermi produttivi in 52 stabilimenti del Torinese, 23 in valli e cintura

Per consentire gli adeguamenti alle misure di prevenzione: coinvolti circa 30mila addetti, casi positivi in Lear, Maserati e Mottura

16 Marzo 2020 - 18:16

Fermi produttivi in 52 stabilimenti del Torinese, 23 in valli e cintura

Al momento sono 52 le aziende metalmeccaniche della provincia di Torino, per un totale di 30mila lavoratori circa, che hanno deciso di fermare totalmente o parzialmente le attività produttive per poi riaprire quando avranno completato gli adeguamenti alle misure di prevenzione e avranno i dispositivi di protezione individuale in grado di far lavorare le persone in sicurezza. Lo rende noto la Fiom-Cgil: l'elenco aggiornato alle ore 17 di oggi comprende 23 stabilimenti di valli e cintura sud-ovest, ovvero Centro Ricerche Fiat di Orbassano, Changan di Rivoli, Confitech di Bruino, Corona di Grugliasco, Eko di Pianezza, Elbi di Collegno, Elcis Encoder di Collegno, Fca Mopar di Volvera, Fca Rivalta di Rivalta, Finder di Almese, Ge Avio di Rivalta e Borgaretto, Gmc di Caprie, Graziadio di Collegno, Hitachi Rail di Piossasco, Lear di Grugliasco, Maserati di Grugliasco, Massifond di Orbassano, Mottura di Sant'Ambrogio, Prima Industrie di Collegno, Skf di Pianezza, Smf di Rivoli e Tekfor di Avigliana. Tra le aziende di zona dove fra i lavoratori sono stati registrati dei casi positivi da Coronavirus troviamo la Lear di Grugliasco, la Maserati di Grugliasco e la Mottura di Sant'Ambrogio.

«La Fiom-Cgil, con tutti i suoi delegati - afferma il segretario provinciale Edi Lazzi - si è mossa in questi tesissimi giorni per garantire la salute delle lavoratrici e dei lavoratori. Le fermate produttive, che noi caldeggiamo già dalla scorsa settimana, sono necessarie per poter dare il tempo alle aziende di prendere tutte le precauzioni possibili per evitare il contatto tra le persone negli uffici e nelle officine, per avere un piano giornaliero di sanificazione dei luoghi di lavoro, per organizzare gli orari in modo tale da evitare assembramenti. Tutto dovrà essere fatto, concordandolo con i delegati sindacali interni. Mi auguro che questi giorni di fermo delle maggiori aziende, e di gran parte della componentistica, servano per ridurre drasticamente le occasioni di contagio. La situazione è difficile, tutti bisogna fare dei sacrifici e dimostrare senso di responsabilità. Purtroppo il virus si sta diffondendo velocemente anche negli altri Paesi europei e penso che l'Unione europea debba iniziare a giocare un ruolo di coordinamento dei provvedimenti da prendere, anche per evitare che ci siano delle speculazioni economiche tra le imprese presenti nelle varie nazioni, perchè una volta superata l'emergenza sanitaria bisognerà affrontare quella economica-finanziaria».

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

Ultim'ora

#restiamoacasa: tutte le raccomandazioni da seguire

#restiamoacasa: tutte le raccomandazioni da seguire

SALUTE

Le strade di Rivoli ai tempi del Coronavirus

Le strade di Rivoli ai tempi del Coronavirus

EMERGENZA

S.Antonino: da lunedì 16 parte la spesa a domicilio per gli over 65

La centrale via Torino deserta, oggi pomeriggio

S.Antonino: da lunedì 16 parte la spesa a domicilio per gli over 65

EMERGENZA

Alpignano, l'asilo nido Don Minzoni sospende la rata di marzo

Alpignano, l'asilo nido Don Minzoni sospende la rata di marzo

EMERGENZA

Rivoli: pagamenti sospesi per zona blu, asili nido e trasporto scolastico

Rivoli: pagamenti sospesi per zona blu, asili nido e trasporto scolastico

CORONAVIRUS

Rivoli: alimentari e farmaci a domicilio per gli anziani

Rivoli: alimentari e farmaci a domicilio per gli anziani

EMERGENZA

Chiusa S.Michele: sostegno alle famiglie per le rette della scuola materna

Chiusa S.Michele: fondi dal Comune per le rette della scuola materna

EMERGENZA

M5S: «Avviare sperimentazione farmaci anti-Coronavirus anche in Piemonte»

M5S: «Avviare sperimentazione farmaci anti-Coronavirus anche in Piemonte»

MEDICINA

Rivalta: accertato un secondo caso di Coronavirus

Rivalta: accertato un secondo caso di Coronavirus

EMERGENZA