politica

La giunta uscente di Avigliana denuncia la lista di Aristide Sada

«Sul manifesto elettorale accusa false ed infamanti»

04 Maggio 2012 - 16:52

L'assessore uscente Rino Marceca

L'assessore uscente Rino Marceca

La guerra dei manifesti aviglianese finisce con una denuncia dai carabinieri. Oggetto del contendere il rinvio della spedizione delle lettere-avviso ai cittadini sulla Tarsu deciso dalla giunta, accusata via manifesto dalla lista “Grande Avigliana” del candidato sindaco Aristide Sada di «tradire» e «ingannare» i cittadini.
La giunta ha chiesto ai rivali elettorali di far coprire i manifesti, ma visto che ciò non è avvenuto è passata alle vie di fatto e venerdì gli amministratori della città di sono presentati dai carabinieri per depositare un esposto contro la lista rivale. Ciò che non va giù al governo cittadino uscente sono tre cose in particolare: «Non esiste nessuna campagna vessatoria come detto dal manifesto di Grande Avigliana, non è vero che teniamo ferme delle "cartelle pazze con multe e more salatissime" in attesa del voto e tanto meno che dopo le elezioni agli aviglianesi arriveranno delle bollette da pagare», spiega l’assessore e candidato di “Avigliana città aperta” Rino Marceca (nella foto).
Marceca spiega che «abbiamo deciso che sia l’invio delle lettere (che non sono accertamenti, ma solo avvisi del fatto che sono emerse delle discrepanze nei dati in possesso dell’Acsel con invito al cittadino a fare un controllo), sia la realizzazione del nuovo data base per la tassa che dal 1° gennaio 2013 sostituirà la Tarsu, dovranno essere gestiti dalla nuova amministrazione che uscirà dal voto del 6-7 maggio, in base alle sue priorità». L’assessore spiega anche che a differenza di quando paventato dal manifesto incriminato, non ci saranno aggravi per le casse del Comune, perché in ogni caso l’Acsel, a cui sono demandati questi incarichi, proseguirà nel normale lavoro ordinario già in corso per l’ente cittadino.

Non si fanno attendere le reazioni da parte di “Grande Avigliana” del suo candidato sindaco, Aristide Sada, che afferma: «Un rapporto corretto tra istituzioni e cittadini si basa sulla trasparenza. E' sbagliato asfaltare strade, fare feste e corse sotto elezioni e rinviare le scelte sgradite o sospendere gli accertamenti fiscali che sono atti amministrativi indipendenti dalle convenienze politiche. Perciò abbiamo reso pubblica la vicenda che comporterà costi maggiori al Comune. Marceca conferma la sospensione ma dichiara il falso affermando che la giunta ci abbia intimato di rimuovere i manifesti, né ne aveva titolo visto che in Italia il diritto di criticare le scelte di governo è garantito dalla Costituzione. Nella replica diffusa con manifesti di Angelo Patrizio, che non rappresenta né la giunta in carica né quella futura, afferma che la risposta del Comune all'Acsel dimostrerebbe che quelli sospesi non sarebbero accertamenti. La lettera inviata dal Comune all'Acsel, e che l'amministrazione ha tentato invano di tenere segreta (pubblicata dal sito della lista) conferma la sospensione come risulta evidente fin dall'oggetto che recita testualmente: “comunicazione sospensione attività di accertamento”. Cosa ne pensa il loro sponsor, il comico genovese Beppe Grillo? Condivide la scelta di Angelo Patrizio di oscurare dai profili sui social netwrks i nostri messaggi?». (D.Fen.)







Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

Ultim'ora

Alpignano, sarà ballottaggio tra Palmieri e Oliva

Alpignano, sarà ballottaggio tra Palmieri e Oliva

ELEZIONI

Alpignano, Palmieri domina il primo turno

Alpignano, Palmieri domina il primo turno

ELEZIONI

"Altius" atto terzo: prove di soccorso anche sulle pareti rocciose di Caprie

"Altius" atto terzo: prove di soccorso anche sulle pareti rocciose di Caprie

3° REGGIMENTO ALPINI

L'Everesting sul Rocciamelone di Alessandro Coletta: prima salita compiuta

L'Everesting sul Rocciamelone di Alessandro Coletta: prima salita compiuta

SFIDA

"Nonni, datemi i soldi della droga di vostro nipote": pusher arrestato a Borgone

"Nonni, datemi i soldi della droga di vostro nipote": pusher arrestato a Borgone

CARABINIERI

Rivoli, il futuro di Villa Melano passa dal Castello

Rivoli, il futuro di Villa Melano passa dal Castello

PROGETTO

No Tav: Dana Lauriola prelevata dalla sua casa di Bussoleno e portata in carcere

No Tav: Dana Lauriola prelevata dalla sua casa di Bussoleno e portata in carcere

PROTESTA

Condove: ritrovato nella Dora il corpo dell'uomo disperso

Condove: ritrovato nella Dora il corpo senza vita dell'uomo disperso

DRAMMA

Smarino Tav a Susa: l'Unione montana dice "no" alla variante

Smarino Tav a Susa: l'Unione montana dice "no" alla variante

TORINO-LIONE