LE NOTIZIE DI AGOSTO

Allevatore di Giaveno massacrato di botte da due dipendenti: è in coma

13 Agosto 2013 - 13:31

LE NOTIZIE DI AGOSTO

Punto in bici da un calabrone: muore dopo due giorni di agonia


E' morto dopo due giorni di agonia Mazzimo Zorzi, 51 anni, sposato e padre di due bambini, residente a Coazze, che sabato 10 era stato ricoverato in gravi condizioni al San Luigi di Orbassano in seguito a uno choc anafilattico dovuto alla puntura di una vespa. Zorzi, conosciuto e stimato a Coazze, paese che si è fermato per intero martedì 13 durante i funerali, si stava recando al lavoro in bicicletta. È accaduto alla perfieria di Orbassano, dove, dopo essere stato punto al viso dall'insetto, Zorzi si è sentito subito molto male. Il suo fisico, già provato da problemi cardiaci, non ha resistito.

(13 agosto 2013)


«Volevano più soldi. Hanno infierito su di lui a terra». Arrestati dai carabinieri


Un allevatore di Giaveno, Andrea Aldighieri di 26 anni, è in coma dopo essere stato massacrato di botte da due fratelli romeni, Ion e Gheorghita Cojoc di 33 e 38 anni, nel giorno del suo compleanno. I due, che ora sono agli arresti con l'accusa di tentato omicidio, erano dipendenti dell'allevatore e volevano più soldi per il loro lavoro. Questo pare il movente dell'aggressione, iniziata con un diverbio in un ristorante all'Aquila di Giaveno e consumatasi poco lontano alle 2,30 di notte. Al rifiuto di Aldighieri, i due romeni lo hanno colpito con calci e pugni, aggredendo anche un amico, Joel T. di 24 anni, che si trovava in compagnia della vittima. Il suo racconto: "Continuavano a colpirci al volto senza pietà. Non si fermavano più. Sono riuscito a scappare e a chiedere aiuto". Afferma inoltre di aver visto, fuggendo, che i due saltavano coi piedi più volte sul viso dell'allevatore. I romeni sono fuggiti, ma i carabinieri di Giaveno li hanno rintracciati quasi subito e arrestati con l'accusa di tentato omicidio nei confronti del loro datore di lavoro e di lesioni personali ai danni dell'amico, trasportato dal 118 all'ospedale di Rivoli: per lui trauma cranico ed escoriazioni, guaribili in una settimana. Aldighieri invece è grave: dal pronto soccorso di Rivoli è stato subito trasferito al Cto di Torino, dove è ricoverato in prognosi riservata, intubato e in coma farmacologico. I medici l'hanno operato d'urgenza a causa dell'ematoma riportato al cervello. Oltre a un grave trauma cranico e facciale, Aldighieri ha riportato la frattura della mandibola.

(12 agosto 2013)

 

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

AGGIORNAMENTI

L'ultimo concerto? Stasera la chiamata alle armi della musica dal vivo

L'ultimo concerto? Stasera la chiamata alle armi della musica dal vivo

SETTORE IN CRISI DA LOKCDOWN

Collegno, gli elicotteri dei vigili del fuoco al Campo volo?

Collegno, gli elicotteri dei vigili del fuoco al Campo volo?

EMERGENZA

Vaccini, parte anche Susa: oggi sono 76 le prime somministrazioni

Vaccini, parte anche Susa: oggi sono 76 le prime somministrazioni

COVID 19

Dramma a Caprie: due morti in uno scontro fra moto

Dramma a Caprie: due morti in uno scontro fra moto

TRAGEDIA

I lavori al marciapiedi di corso Laghi a rischio crollo

I lavori al marciapiedi di corso Laghi a rischio crollo

Avigliana, al via la campagna di lavori sul lago, nelle borgate e al campo da baseball

OPERE PUBBLICHE

Rivoli, tamponamento in tangenziale: traffico in tilt

Rivoli, tamponamento in tangenziale: traffico in tilt

VIABILITA'

Giaveno, oggi vaccinati i primi 80 ultra ottantenni

Giaveno, oggi vaccinati i primi 80 ultra ottantenni

EMERGENZA SANITARIA

Artefisica: quando l’arte incontra la scienza

Artefisica: quando l’arte incontra la scienza

PANNELLI, GRAFICI, FILMATI, QUADRI E SCULTURE

Vaie, fiamme nei terreni a fianco della "Floricoltura valsusina"

Vaie, fiamme nei terreni a fianco della "Floricoltura valsusina"

ROGO