CORONAVIRUS

Valli e cintura, la febbre inizia a scendere

Nell’area sud-ovest evidente minor aumento di casi dopo l’ultimo boom. La val di Susa inverte la rotta, impennata di contagi in una rsa di Sangano

30 Aprile 2020 - 00:30

Valli e cintura, la febbre inizia a scendere

di MARCO GIAVELLI

Il quadro è sicuramente in via di miglioramento: la pressione sugli ospedali di Rivoli e Susa, e in particolare sul reparto di terapia intensiva, è notevolmente calata ormai da un paio di settimane, un po’ come in tutto il Piemonte, anche se il Coronavirus è ancora ben presente in valli e cintura. In cintura soprattutto, mentre la valle di Susa respira: non altrettanto si può dire della val Sangone, che registra un’inversione di tendenza a causa di un boom di contagi avvenuto in una casa di riposo di Sangano.

I dati sono quelli aggiornati alle 8,45 di ieri mattina sulla “mappa Covid” della Regione, che fotografano il numero di attualmente positivi e di deceduti al netto dei guariti, prendendo sempre come riferimento il comune di domicilio per coloro che non si trovano nel comune di residenza: a soffrire di più è anche questa settimana la cintura ovest con un totale di 914 casi, 81 in più rispetto a sei giorni fa quando però l’incremento sulla settimana precedente era stato di +226. Rivoli rimane il più colpito con 267 (+36), più omogeneo l’aumento negli altri comuni: Collegno 185 (+12), Grugliasco 184 (+11), Alpignano 192 (+10), Pianezza 61 (+12), Buttigliera 11 (-2), Rosta 7 (+2), Villarbasse 7 (stabile).

Va un po’ meglio anche in cintura sud, con un totale di 360 casi e un aumento “diffuso” di 27 rispetto a giovedì scorso, quando la tendenza settimanale era stata ben peggiore (+79): Beinasco resta la maglia nera con 123 casi ma è anche il comune con il trend migliore (+2, con 100 casi attualmente positivi), seguono Orbassano con 90 (+7), Rivalta 49 (+6), Piossasco 48 (+4), Volvera 26 (+5) e Bruino 24 (+3). Se per la cintura sud-ovest si può dunque parlare di un evidente minor incremento rispetto a sei giorni fa, la valle di Susa intasca la sua prima vera inversione di tendenza, anche se risicatissima: 234 casi, due in meno rispetto a giovedì scorso quando l’aumento era stato di 16.

Un quadro sostanzialmente stabile, senza particolari anomalie, con piccoli comuni come Sauze d’Oulx e Borgone, decisamente in sofferenza fino a un mese fa, dove ora il peggio pare definitivamente alle spalle. In alta valle, Bardonecchia 22 (+1), Sauze d’Oulx 5 (-1), Oulx 2 (-3), Chiomonte 2 (stabile), Gravere 2 (-1), Meana 2 (stabile), Cesana 1 (stabile), Sestriere 1 (stabile), Giaglione 1 (stabile), fermi a zero contagi troviamo Exilles, Claviere e Moncenisio a cui si uniscono Sauze di Cesana (-1) e Salbertrand (-2). In bassa valle, Condove 37 (+1), Avigliana 33 (+6, ma i dati in possesso del sindaco Archinà dicono 21 positivi, 5 deceduti, 12 guariti), Susa 31 (-1), Sant’Ambrogio 14 (+3), Almese 14 (-1), Sant’Antonino 13 (+1, anche se alla sindaca Preacco risultano sempre 9 positivi, 1 deceduto, 1 guarito, i tre restanti sono frutto di un’errata attribuzione territoriale), Caselette 8 (stabile), Bussoleno 5 (+1), Borgone 5 (-4), Villarfocchiardo 5 (+2), Vaie 5 (stabile), Caprie 5 (-2), Villardora 5 (-1), Chianocco 4 (+1), Rubiana 4 (+1), Bruzolo 2 (stabile), San Didero 2 (stabile), Chiusa San Michele 2 (-2), Mompantero 1 (stabile), San Giorio 1 (stabile), si confermano a zero contagi Venaus, Novalesa e Mattie.

Fa storia a sé la val Sangone, dove di fronte a un quadro di sostanziale stabilità salta all’occhio l’anomalia di Sangano con ben 29 casi: secondo il sindaco Merletti l’improvvisa impennata è riconducibile alla rsa Aldo Maritano, dove nei giorni scorsi si è verificato il decesso di un anziano risultato poi positivo. Sono stati quindi eseguiti tamponi a tappeto sugli ospiti e sul personale sanitario: molti i contagi emersi, ma fortunatamente tutti asintomatici; un intero piano della struttura è stato adibito a pazienti Covid e la situazione appare al momento sotto controllo. I casi totali in val Sangone tornano così a salire, dopo che sei giorni fa se n’erano registrati tre in meno rispetto alla settimana precedente: ora sono 86 con un incremento di 29, ma in gran parte concentrato appunto su Sangano (+23) e Giaveno (+8 con 38 casi), poi troviamo Trana con 13 (-2), Reano 4 (+1), Coazze 2 (-1), infine Valgioie che rimane a zero contagi.

Intanto l’Asl To3 ha provveduto a potenziare l’organico delle Usca, le Unità speciali di continuità assistenziale costituite il 30 marzo scorso secondo le indicazioni di governo e Regione ed entrate in attività nei giorni successivi: ogni giorno vengono effettuati mediamente circa 35 interventi domiciliari e 150 contatti telefonici con i pazienti Covid-19. Le Unità sono dislocate in tutti i distretti dell’Asl To3 su sette sedi di partenza differenti (Druento, Collegno, Condove, Oulx, Pinerolo, Pomaretto e Volvera) e sono in funzione tutti i giorni della settimana dalle 8 alle 20.

Come detto, il nucleo di medici dedicato a questo servizio è stato ulteriormente rafforzato negli ultimi giorni, con 6 nuovi innesti: sono oltre 40, adesso, i medici impegnati a rotazione, di cui 13 presenti per ogni turno. L’obiettivo delle Usca è quello di gestire in modo appropriato le cure domiciliari per i pazienti Covid-19 che non hanno bisogno di ricovero ospedaliero, in quanto casi non gravi, oppure che sono stati dimessi e sono in via di guarigione. Gli interventi sono attivati direttamente dai medici di famiglia o dai medici di continuità assistenziale e sono effettuati in coordinamento con gli infermieri e gli operatori sanitari delle cure domiciliari.

«Finalmente stiamo assistendo a una riduzione dei ricoveri nei nostri ospedali e a un calo dei pazienti in terapia intensiva - sottolinea il dottor Flavio Boraso, direttore generale dell’Asl To3 - Ora, dopo questa pesante fase ospedaliera, possiamo concentrare le nostre forze sulla fase territoriale: l’attività delle Unità, formate da medici giovani che operano con grande motivazione, è importante per il monitoraggio della situazione sul territorio e per consentire il progressivo ritorno dei pazienti alla normalità».

I medici del servizio (regolarmente muniti di dispositivi di protezione individuale, dopo le carenze di equipaggiamento riscontrate all’inizio dell’attività e denunciate dagli stessi medici di base del distretto valle di Susa-val Sangone) si occupano di visitare a domicilio i pazienti quando necessario e di effettuare un controllo con il saturimetro attraverso uno specifico “walking test”. Negli altri casi viene invece compiuto un monitoraggio telefonico per verificare costantemente le condizioni delle persone prese in carico e per fornire le opportune indicazioni. Le Unità si avvalgono inoltre della collaborazione di un pool di specialisti ambulatoriali: un supporto molto importante nelle terapie per i pazienti che si trovano potenzialmente a rischio o che sono affetti da più patologie pregresse.

su Luna Nuova di giovedì 30 aprile 2020

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

AGGIORNAMENTI

S.Antonino: in piazza Libertà un "selfie point" creato dal Tarlo

S.Antonino: in piazza Libertà un "selfie point" creato dal Tarlo

TURISMO

Tragedia, maestro di sci di Susa muore travolto dalla valanga

Tragedia, maestro di sci di Susa muore travolto dalla valanga

IN FRANCIA

Tre focolai nei giro di pochi metri, l'ombra del piromane tra Chianocco e S.Giorio

Tre focolai nei giro di pochi metri, l'ombra del piromane tra Chianocco e S.Giorio

INCENDIO

Alcar di Vaie: proroga concordato preventivo e manifestazioni di interesse sul tavolo

Alcar di Vaie: proroga concordato preventivo e manifestazioni di interesse sul tavolo

OCCUPAZIONE

Rivoli, acciuffato il rapinatore con le forbici

Rivoli, acciuffato il rapinatore con le forbici

INDAGINE

Segnale d’allarme-Smart watching: il teatro di Elio Germano in realtà virtuale

Segnale d’allarme-Smart watching: il teatro di Elio Germano in realtà virtuale

SPETTACOLI

Castanicoltura in val Susa: il volume on-line sul sito dell'Unione montana

Castanicoltura in val Susa: il volume on-line sul sito dell'Unione montana

PRODOTTI LOCALI

S.Antonino: principio d'incendio a un camino di via Case Sparse

S.Antonino: principio d'incendio a un camino di via Case Sparse

SOCCORSI

Villarfocchiardo: auto si ribalta sulla statale 25, due feriti

Villarfocchiardo: auto si ribalta sulla statale 25, due feriti

INCIDENTE