FASE 2

‘Movida’ e piccoli bar: com’è salato il conto alla rovescia

Da Torino alla val Susa, allarme per occupazione e perdite gravi. Al Traballo, vicino al Po: «Servono subito sostegni, o sarà il deserto». Distanziamenti, sicurezza e fornitori: tutti i dubbi del bar-edicola Lumière di Borgone. La lotta delle gelaterie: nella colazione del Via Mazzini di Alpignano spunta il giornale

11 Maggio 2020 - 22:14

‘Movida’ e piccoli bar: com’è salato il conto alla rovescia

Sarà lento e salato il conto alla rovescia dei bar verso la riapertura, con titolari e clienti ormai sull’orlo di una crisi di nervi. I primi alle prese con il danno, i secondi con la beffa: si può uscire di casa, ma non entrare nel bar di fiducia, uno dei punti di riferimento della vita sociale. Per non parlare dei cocktail bar, regni dell’assembramento, isole d’incontro e svago. Il grido d’allarme echeggia dalla valle a Torino. Tra i più attivi a lanciarlo è Rino Pisa, di Rosta, titolare con la compagna Elena Burlacu di uno dei più rinomati locali della movida torinese, il Traballo. A marzo questo bar ha compiuto il più triste dei compleanni: dieci candeline spente senza clienti, le serrande abbassate, il futuro zavorrato. «Credo che non sia stata sottolineata abbastanza la gravità della situazione del settore del beverage - dice Rino Pisa - Quello che bisogna capire è che noi...

Due mesi oggi. Il 12 marzo è iniziata anche la serrata delle gelaterie, un settore tra i più a rischio: diversi economisti hanno previsto che una gelateria su tre non ce la farà a riaprire. Questo soprattutto perché viene penalizzata la stagione primavera-estate, la più produttiva dell’anno, e verso la quale si stavano lanciando i negozi del gusto più italiano che ci sia. In 60 giorni è cambiato tutto il modo di lavorare. La lotta all’emergenza è stata presa di petto da molte gelaterie, che hanno aggiornato il rapporto con il cliente: se lui non può venire da noi, andiamo noi da lui. C’è chi ci ha dato dentro sul serio con questa formula, fino a ritrovarsi sfiniti ma vincenti. Uno dei casi più eclatanti è quello della gelateria Via Mazzini. Dal giorno alla notte, lo storico negozio di Alpignano e le sue filiali di Collegno e Moncalieri...

su Luna Nuova di martedì 12 maggio 2020

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

AGGIORNAMENTI

Chiusa S.Michele: auto in fiamme stamattina in via XXV Aprile

Chiusa S.Michele: auto in fiamme stamattina in via XXV Aprile

INCENDIO

"Val Susa dal Vivo": alta e bassa valle si candidano per un'estate di cultura

"Val Susa dal Vivo": alta e bassa valle si candidano per un'estate di cultura

RASSEGNA

Da oggi Piemonte "zona arancione", ecco cosa si può fare

Da oggi Piemonte "zona arancione", ecco cosa si può fare

CORONAVIRUS

Grande Zacchetti: il giavenese (38°) è il primo degli italiani alla Dakar 2021

Grande Zacchetti: il giavenese (38°) è il primo degli italiani alla Dakar 2021

MOTORI

Pinerolo super: il derby rimane un tabù per il Barricalla Cus Torino

Pinerolo super: il derby rimane un tabù per il Barricalla Cus Torino

VOLLEY - SERIE A2

S.Antonino: in piazza Libertà un "selfie point" creato dal Tarlo

S.Antonino: in piazza Libertà un "selfie point" creato dal Tarlo

TURISMO

Tragedia, maestro di sci di Susa muore travolto dalla valanga

Tragedia, maestro di sci di Susa muore travolto dalla valanga

IN FRANCIA

Tre focolai nei giro di pochi metri, l'ombra del piromane tra Chianocco e S.Giorio

Tre focolai nei giro di pochi metri, l'ombra del piromane tra Chianocco e S.Giorio

INCENDIO

Alcar di Vaie: proroga concordato preventivo e manifestazioni di interesse sul tavolo

Alcar di Vaie: proroga concordato preventivo e manifestazioni di interesse sul tavolo

OCCUPAZIONE