SANITÀ E PREVENZIONE

Rivalta, il vaccino pit stop va a gonfie vele

Le dosi non arrivano: a rischio la seconda giornata

13 Novembre 2020 - 00:20

La postazione ‘pit stop’ allestita in piazza Gerbidi per fare il vaccino contro l’influenza (Foto Omar Viara)

La postazione ‘pit stop’ allestita in piazza Gerbidi per fare il vaccino contro l’influenza (Foto Omar Viara)

di STEFANO TONIOLO

Bilancio positivo per le vaccinazioni antiinfluenzali “drive through” a Rivalta, ma l’appuntamento di domani è ancora incerto. Non si sa ancora se arriveranno in tempo le dosi dalla Regione. «Se ci sono problemi nella catena di distribuzione dei vaccini ai medici di famiglia, da parte dei soggetti che la Regione ha incaricato, andremo fino in fondo per individuarli e risolverli. Dev’essere chiaro, però, che i vaccini per loro non mancano. La campagna vaccinale sta procedendo in tutta la Regione secondo la programmazione concordata e i medici di famiglia, pur gravati da numerose nuove incombenze legate all’emergenza, stanno facendo pienamente la loro parte», aveva fatto sapere qualche giorno fa l’assessore alla sanità della Regione Piemonte Luigi Icardi.

Tuttavia la situazione è ancora incerta e non si sa se le dosi arriveranno entro sabato. Cosa che rischia di far saltare la seconda giornata di vaccinazioni (dovrebbe tenersi domani) in piazza Gerbidi. «Le dosi dovrebbero arrivare, così da non dover dire ai pazienti di non venire - confida Piepaolo Meistro, medico di base rivaltese - Il sistema è un po’ farraginoso, dovendo fare vaccini per tutti nello stesso momento».

Prima infatti i pazienti dovevano recarsi nello studio del proprio medico di base per farsi vaccinare. Ora invece, considerando l’attuale situazione sanitaria, l’amministrazione comunale e i medici di base hanno optato per un sistema che abbattesse così le liste di attesa e soprattutto evitasse assembramenti prolungati negli ambulatori o sui marciapiedi fuori dagli studi medici. «Siamo stati molto favorevoli come medici di gruppo. Siamo sette medici e gestiamo circa 10mila pazienti - prosegue Meistro - Abbiamo avuto il supporto dell’amministrazione e sabato siamo riusciti a fare questa bella giornata. È stata molto ordinata, anche dal punto di vista del traffico».

La proposta della vaccinazione “pit-stop” era arrivata da tre giovani medici della Scuola di specializzazione in igiene e medicina preventiva dell’università di Torino, diretta dalla professoressa Roberta Siliquini: Dario Catozzi, Fabrizio Cigliano ed Erika Pompili, che hanno studiato e redatto il protocollo. Un modello che verrà sperimentato si rifà alla modalità “drive through” già adottata negli Stati Uniti, secondo le linee guida del “Center of disease control” di Atlanta.

Pochi e semplici gli step per i pazienti prenotati che si sono fatti vaccinare sabato. All’inizio due postazioni di verifica, in cui gli operatori hanno controllato la prenotazione e se il paziente si stesse vaccinando per la prima volta (in quel caso c’era un triage più approfondito). Poi si passava al secondo step, dove veniva somministrato il vaccino. «Sapevamo che ci sarebbe stato circa un 20-30 per cento in più - dice Meistro - Già ad ottobre ci avevamo contattato». L’anno scorso erano circa 1100 le persone che avevano deciso di farsi vaccinare, mentre quest’anno il totale ammonta a circa 1600. Tutte persone, in accordo con le linee guida regionali, di più di 65 anni, con patologie o appartenenti a determinate categorie professionali. «La vicenda Covid-19 ci invit a trovare forme innovative per erogare il servizio - commenta il sindaco Nicola De Ruggiero - In un momento in cui tocca aumentare la vaccinazione influenzale si è trovato uno strumento utile»...

Su Luna Nuova di venerdì 13 novembre 2020

Leggi l'articolo completo su Luna Nuova clicca qui!

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

Ultim'ora

Collegno, stop alle auto davanti alla scuola Leumann

Collegno, stop alle auto davanti alla scuola Leumann

VIABILITA'

La cultura valsusina ha perso il maestro Marcello Oliveri

La cultura valsusina ha perso il maestro Marcello Oliveri

LUTTO

Tav, i sindaci alla De Micheli: «Una nuova "Via" è ineludibile»

Tav, i sindaci alla De Micheli: «Una nuova "Via" è ineludibile»

TORINO-LIONE

Rivoli, panettoni per il personale del Pronto soccorso

Rivoli, panettoni per il personale del Pronto soccorso

SANITA'

Rivoli: a Cascine Vica avanza il cantiere per la metropolitana

Rivoli: a Cascine Vica avanza il cantiere per la metropolitana

TRASPORTI

Alpignano, lavori al ponte al via in primavera

Alpignano, lavori al ponte al via in primavera

VIABILITA'

Villardora, al via i tamponi rapidi: ecco come funzionano

Villardora, al via i tamponi rapidi: ecco come funzionano

CORONAVIRUS

Tav, incontro governo-sindaci rinviato a venerdì mattina

Tav, incontro governo-sindaci rinviato a venerdì mattina

TORINO-LIONE

Tav: mercoledì l'incontro tra l'Unione montana e la ministra De Micheli

Tav: mercoledì l'incontro tra l'Unione montana e la ministra De Micheli

TORINO-LIONE