EMERGENZA

Rivoli, la protesta dei commercianti arriva in Comune

Doppio presidio, prima in piazza Martiri e quindi in corso Francia dove una delegazione è stata ricevuta dal sindaco Andrea Tragaioli

12 Aprile 2021 - 23:31

Rivoli, la protesta dei commercianti arriva in Comune

di STEFANO TONIOLO

È andata in scena venerdì mattina la protesta dei commercianti rivolesi. A dare appuntamento agli esercenti in piazza Martiri è stata l’associazione di commercianti “Rivoli Experience” per protestare contro le chiusure dei negozi e per far presente le difficoltà di questi mesi. Dopo un sit-in in piazza, i manifestanti si sono spostati in corso Francia di fronte al municipio. Alcuni hanno deciso di andare a piedi occupando una pezzo del corso, ma, a parte ciò, la manifestazione è stata pacifica. Ad aspettarli c’erano il sindaco Andrea Tragaioli e alcuni assessori hanno ricevuto una delegazione degli organizzatori dell’iniziativa. «Non è solo il commercio ad essere penalizzato totalmente, ma varie tipologie», dice la presidente di “Rivoli Experience” Maria Chiara Taverna al megafono, di fronte ai manifestanti fuori dal municipio.

«Anche chi è rimasto aperto», aggiunge una signora dal pubblico. «Sicuramente sì, perché alcune categorie che possono rimanere aperte non hanno avuto ristori, ma non hanno avuto un reddito - ha risposto Maria Chiara Taverna - Non c’è stato movimento perché la gente non esce, ma la gente non ha più soldi. Quindi, oltre a non poter andare nei negozi e nei ristoranti a mangiare, la gente non ha più soldi. Cerchiamo di essere uniti e di darci tutti uniti. Come Rivoli Experience siamo molto contenti in questa occasione, perché moltissimi commercianti, anche non facenti parte dell’associazione, ci hanno dato supporto e sono intervenuti. Ci fa piacere che quest’iniziativa abbia trovato questo consenso».

Esauriti gli interventi, l’amministrazione comunale ha ricevuto una piccola delegazione di commercianti per discutere dei problemi e illustrare le iniziative che la giunta sta mettendo in campo. Per l’amministrazione comunale erano presenti al tavolo il sindaco Andrea Tragaioli, l’assessore al commercio Paolo Dabbene e la vicesindaca Laura Adduce. «Io ho già fatto una serie di appelli ai piani alti per riuscire a fare sentire la nostra voce, perché Rivoli è un tassello. Rivoli ovviamente ha 50mila abitanti e non è il paesino di mille abitanti, anche se il commercio è importante nel paesino di mille abitanti, come in quello di 50mila», ha detto il primo cittadino. Tra gli appelli citati c’è anche l’invio di una lettera al ministro della salute Roberto Speranza, al presidente della Regione Alberto Cirio e ai ministri dell’economia e dello sviluppo economico Daniele Franco e Giancarlo Giorgetti. «Ho voluto anche mandare questa lettera all’Anci, che è un po’ la mamma chioccia di tutti gli 8mila comuni e che può fare da portavoce, da leva, da grimaldello, affinché si possano prendere una serie di decisioni anche a livello più alto», ha aggiunto.

Chiara la richiesta della lettera, che guarda alla riapertura delle attività: «Il recente Dpcm prevede la presenza sulle aree mercatali dei soli generi alimentari, florovivaistici e agricoli, limitando conseguentemente l’attività degli operatori del settore extra-alimentare e facendo venir meno quel ruolo cardine che da sempre ha il commercio di prossimità nei mercati rionali, sia per la sua funzione sociale ma ancor più occupazionale - si legge nella missiva - A questa categoria si affiancano, poi, tutti i piccoli commercianti di vicinato ormai chiusi da mesi e che quotidianamente si rivolgono a noi amministratori in cerca di sostegno e di soluzioni che, nonostante gli sforzi messi in campo, al momento non risultano sufficienti a far fronte ad esigenze sempre più crescenti e legittimate. Chiediamo pertanto di valutare, nel continuo rispetto di tutte le norme e procedure di prevenzione sanitaria, la graduale riapertura delle suddette attività economiche al fine di evitare oltre alla nefasta perdita di reddito per molti operatori e per le loro famiglie, la scomparsa di risorse importanti del nostro territorio e la fine di un servizio essenziale per la nostra comunità». Oltre a ciò l’amministrazione comunale ha lanciato uno stanziamento di 118mila e 500 euro da erogare a favore delle microimprese con sede operativa nel territorio comunale. L’importo verrà erogato a fondo perduto nella misura massima di 500 euro in relazione al numero di istanze pervenute e si rivolge alle attività chiuse anche in zona arancione.

Su Luna Nuova di martedì 13 aprile 2021

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

AGGIORNAMENTI

Vaccini: le adesioni dei 40enni anticipate alla prossima settimana

Vaccini: le adesioni dei 40enni anticipate alla prossima settimana

COVID-19

Collegno, una "lettera alla coscienza" firmata Sermig

Collegno, una 'lettera alla coscienza' firmata Sermig

GIRO D'ITALIA

Grugliasco, ecco il nuovo deposito di Amazon

Grugliasco, ecco il nuovo deposito di Amazon

OCCUPAZIONE

Pianezza, il centrodestra punta su Roberto Signoriello

Pianezza, il centrodestra punta su Roberto Signoriello

ELEZIONI

Alpignano, vota parco Bellagarda e fai vincere la Turati

Alpignano, vota parco Bellagarda e fai vincere la Turati

AMBIENTE

Grugliasco, si era dato fuoco: muore dieci giorni dopo

Grugliasco, si era dato fuoco: muore dieci giorni dopo

TRAGEDIA

Borgone, S.Antonino e Rivoli piazze dello spaccio: dieci misure cautelari

Borgone, S.Antonino e Rivoli piazze dello spaccio: dieci misure cautelari

DROGA

Vaie: Elisa Morello e Giuseppina Picco vincono il "Canestrello d'Oro"

Vaie: Elisa Morello e Giuseppina Picco vincono il "Canestrello d'Oro"

BISCOTTO TIPICO

Rubiana: incendio di un tetto in strada Boschetto

Rubiana: incendio di un tetto in strada Boschetto

OGGI POMERIGGIO