EMERGENZA SANITARIA

Orbassano: ora la vaccinazione Covid si fa al finestrino

Progetto sperimentale per la cintura: nuovo servizio dedicato agli anziani e a chi ha difficoltà motorie

16 Aprile 2021 - 01:09

Orbassano, Il progetto sperimentale per la cintura: la vaccinazione Covid si fa al finestrino

di STEFANO TONIOLO

«Io ho una figlia disabile e mi auguro di poterla avere a casa qualche giorno, perché sono mesi che non posso ospitarla». A parlare è una signora anziana, in attesa di ricevere il vaccino Moderna. In auto di fianco a lei, seduta al posto di guida, c’è una sua amica che ha deciso di accompagnarla a in piazzale Peano, dove si fanno le inoculazioni “drive through”. «È sola e ho deciso di farle un favore», dice.

Il progetto di vaccinazione “drive through” ha preso il via martedì mattina. Si tratta di una attività sperimentale per cui, anziché in ambulatorio, il vaccino viene somministrato mentre si rimane nella propria auto. L’inizio è sperimentale, con tre linee attive che da martedì effettuano 150 vaccini al giorno, per passare dal prossimo lunedì a circa 240 vaccinazioni giornaliere. Queste si aggiungeranno a quelle già previste presso il poliambulatorio Asl cittadino: 100 dal lunedì al venerdì e 140 al giorno nel week-end. L’infrastruttura è stata allestita ad opera del Comune a beneficio dei cittadini del distretto Area Metropolitana Sud ed è gestita per la parte logistica grazie alla disponibilità dei volontari della protezione civile, l’Associazione nazionale carabinieri e dai Lions.

«L’attivazione di questo particolare punto vaccinale è un grande risultato per tutto il territorio - spiega la sindaca Cinzia Maria Bosso - Un servizio non solo per gli orbassanesi, ma per tutti gli utenti del distretto Asl To3, soprattutto quelli più in difficoltà negli spostamenti, che potranno in questo modo accedere ugualmente al vaccino comodamente dalla propria automobile. È il risultato di un grande lavoro di squadra messo a punto da amministrazione comunale e Asl To3 e che ha visto impegnati in prima linea, per la sua attuazione, i volontari della squadra comunale di protezione civile della città. Nel nuovo punto vaccinale, inoltre, il personale sanitario sarà costantemente affiancato da volontari di protezione civile, Alpini, gruppo Lions e associazione Agafh, tutti impegnati per garantire ai cittadini un servizio importante per cercare di uscire da questa difficile fase storica. Ma soprattutto, la realizzazione di questo progetto ci ha dimostrato ancora una volta che collaborazione e cooperazione sono fondamentali per ottenere grandi risultati».

La somministrazione del drive through è stata ipotizzata in primo luogo per la fascia di età degli over 80 con difficoltà negli spostamenti, ma verrà successivamente offerta anche ad altre fasce di popolazione secondo le priorità stabilite dal piano vaccinale nazionale. «Questo progetto nasce con il patrocinio del Comune che ha messo a disposizione la struttura, mentre l’Asl ha messo a disposizione il personale medico, infermieristico e amministrativo. Tutto è stato realizzato in non più di quindici giorni: è stata una cosa veramente rapida - spiega il direttore dell’area metropolitana sud dell’ Asl To3 Giuseppe Massobrio - Per adesso abbiamo tre linee con tre medici, tre infermieri e gli amministrativi che registrano, dalle 9 alle 16,30 perché è l’orario completo di lavoro. In questa settimana, per iniziare, inoculiamo 150 vaccini al giorno e dalla settimana prossima passiamo a 250, suscettibili di incremento: stiamo testando e vedendo sul campo se abbiamo sottodimensionato questa attività. Dalla settimana prossima sulle 12 ore lo spezzeremo in due turni, sempre in tre linee. In automobile si fa un pre triage all’ingresso, in una delle tre linee si fa il vaccino e poi si va nel parcheggio dove si fanno i 15 minuti di osservazione post vaccino. Poi ricevono l’appuntamento per la volta successiva e possono uscire. Sono rispettate tassativamente le fasce del ministero».

Da ieri sono iniziate le vaccinazioni per la fascia 75-79 anni, mentre nel poliambulatorio si concluderanno entro il 18 aprile gli ultraottantenni e poi si proseguirà con la somministrazione delle seconde dosi. «Lo aspettavamo, con tutto quello che c’è in giro va bene se ci vaccinano», commenta un anziano in attesa che la moglie riceva la prima dose. Lui invece verrà vaccinato il giorno successivo.

Su Luna Nuova di venerdì 16 Aprile 2021

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

AGGIORNAMENTI

Vaccini: le adesioni dei 40enni anticipate alla prossima settimana

Vaccini: le adesioni dei 40enni anticipate alla prossima settimana

COVID-19

Collegno, una "lettera alla coscienza" firmata Sermig

Collegno, una 'lettera alla coscienza' firmata Sermig

GIRO D'ITALIA

Grugliasco, ecco il nuovo deposito di Amazon

Grugliasco, ecco il nuovo deposito di Amazon

OCCUPAZIONE

Pianezza, il centrodestra punta su Roberto Signoriello

Pianezza, il centrodestra punta su Roberto Signoriello

ELEZIONI

Alpignano, vota parco Bellagarda e fai vincere la Turati

Alpignano, vota parco Bellagarda e fai vincere la Turati

AMBIENTE

Grugliasco, si era dato fuoco: muore dieci giorni dopo

Grugliasco, si era dato fuoco: muore dieci giorni dopo

TRAGEDIA

Borgone, S.Antonino e Rivoli piazze dello spaccio: dieci misure cautelari

Borgone, S.Antonino e Rivoli piazze dello spaccio: dieci misure cautelari

DROGA

Vaie: Elisa Morello e Giuseppina Picco vincono il "Canestrello d'Oro"

Vaie: Elisa Morello e Giuseppina Picco vincono il "Canestrello d'Oro"

BISCOTTO TIPICO

Rubiana: incendio di un tetto in strada Boschetto

Rubiana: incendio di un tetto in strada Boschetto

OGGI POMERIGGIO