COVID-19

Vaccini: molti medici di base rinunciano per le poche dosi

Lo sfogo del dottor Arnaud di Giaveno via facebook e con una lettera ufficiale: «È inutile, si fa prima nei centri Asl che in ambulatorio»

11 Maggio 2021 - 00:20

Vaccini: molti medici di base rinunciano per le poche dosi

Il dottor Maurizio Arnaud, medico di base di Giaveno

di MARCO GIAVELLI

Il faticoso percorso per aprire le vaccinazioni anti-Covid ai medici di base sta via via finendo su un binario morto. Crescono infatti le rinunce, non per cattiva volontà, ma per una ragione molto pratica: le dosi ai medici non arrivano e allora tanto vale vaccinarsi nei grandi “hub” creati dalle varie Asl, perché si fa comunque più in fretta. Maurizio Arnaud, medico di medicina generale di Giaveno, è uno di questi, e non è certo l’unico: la sua disdetta all’Asl To3 l’ha comunicata ufficialmente domenica 9 maggio, annunciandola poi a suoi pazienti anche attraverso un post sulla sua pagina facebook.

«Cari amici pazienti, ho deciso di interrompere la mia attività vaccinale anti-Covid in ambulatorio perché oggettivamente vi sfavorisce - scrive il dottor Arnaud - i pazienti dei colleghi che hanno deciso di non vaccinare nei loro ambulatori vengono attualmente vaccinati in Asl prima e vengono somministrati loro Pfizer o Moderna, mentre a me è concesso solo AstraZeneca, sulla sicurezza del quale non ho dubbi, ma che causa con voi continue discussioni. Naturalmente, quando diedi la mia adesione, non erano questi gli accordi. Era stata garantita l’unicità della tipologia del vaccino per ogni singola classe d’età e ci erano stati garantiti sufficienti vaccini per portare avanti la campagna vaccinale. Entrambe le premesse sono state ampiamente disattese. Ho sempre fondato la mia attività di medico sull’equità dell’accesso alle cure, ho sempre pensato che le cure debbano essere garantite per tutti dallo Stato indipendentemente dall’età, sesso, nazionalità o reddito. Non posso di conseguenza accettare di essere strumento di disparità e soprattutto non posso accettare di essere proprio io la causa di un’ingiustizia nei vostri confronti».

Già la scelta di aderire alla campagna come medico base era stata comunque figlia, per Arnaud, di alcune perplessità: «Ho aperto il mio ambulatorio alle vaccinazioni anti-Covid tra mille difficoltà, proprio perché pensavo di darvi una mano e di dare allo stesso tempo una mano al sistema. Così attualmente non è, al di là degli “spottoni” dei soliti noti: pensate che ai medici di famiglia non arrivano vaccini da quasi due settimane».

Se da un lato, nella sua lettera ufficiale, il medico giavenese solleva da qualsiasi responsabilità l’Asl To3, dicendo di sapere quali sono le difficoltà a cui l’Azienda sanitaria va incontro, dall’altro non risparmia una frecciatina al mondo della politica, regionale e nazionale: «Per queste ragioni faccio un passo indietro e chiudo la porta del mio ambulatorio al buon Cirio e al generale in mimetica, che per altro mi hanno lasciato una patata bollente e vi stanno ampiamente trascurando. Se riuscirò andrò a vaccinare come tanti miei colleghi nei Centri vaccinali Asl, e solo nel caso di un cambiamento delle condizioni, al momento non prevedibile, riprenderò a vaccinare in ambulatorio».

Nonostante questo, il dottor Maurizio Arnaud annuncia che terminerà in ogni caso di vaccinare in ambulatorio le classi d’età 70-80 e 60-70, compresi i richiami programmati a luglio e probabilmente ad agosto. «Gli under 60 verranno convocati dall’Asl e così verranno vaccinati prima di quanto potrei fare io in ambulatorio, e forse verranno vaccinati con vaccini che non necessitano di quasi tre mesi per il richiamo come invece necessita AstraZeneca. Ricordate però di fare l’iscrizione sulla piattaforma regionale».

su Luna Nuova di martedì 11 maggio 2021

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

AGGIORNAMENTI

Colle del Lys: infortunati e soccorsi due cercatori di funghi

Colle del Lys: infortunati e soccorsi due cercatori di funghi

OGGI POMERIGGIO

Grugliasco, all'ambulatorio della Lilt si fa prevenzione

Grugliasco, all'ambulatorio della Lilt si fa prevenzione

SALUTE

Diego Bernar e Romualdo Esteves

Diego Bernar e Romualdo Esteves

Giaveno, sei chili di funghi in pochi metri: la gioia dei due boulajour

PORCINI DA RECORD

Fiamme nella notte a Bruzolo, brucia un box

Fiamme nella notte a Bruzolo, brucia un box

VIGILI DEL FUOCO

Pianezza, Signoriello presenta la sua giunta

Pianezza, Signoriello presenta la sua giunta

ELEZIONI

Caprie: l'esercitazione di soccorso in parete della brigata alpina Taurinense

Caprie: l'esercitazione di soccorso in parete della brigata alpina Taurinense

INAUGURAZIONE

Caprie intitola la sua Via ferrata a Guido Rossa

Caprie intitola la sua Via ferrata a Guido Rossa

INAUGURAZIONE

Collegno, penne e quaderni per le famiglie in difficoltà

Collegno, penne e quaderni per le famiglie in difficoltà

SOLIDARIETA'

S.Antonino: il suono dei Centopassi per dare il benvenuto a Giovanni Impastato

S.Antonino: il suono dei Centopassi per dare il benvenuto a Giovanni Impastato

LEGALITÀ