COVID 19

Susa, il Covid si porta via anche il mister Daniele Villa

Ferroviere e pezzo di storia del calcio valsusino

02 Settembre 2021 - 23:09

Susa, il Covid si porta via anche il mister Daniele Villa

di UGO SPLENDORE

Profondo cordoglio ha suscitato in città e nel Susa Calcio la scomparsa di Daniele Villa, 65 anni, morto domenica scorsa per Covid. Originario di Bussoleno, abitava Susa ed era considerato una delle bandiere della squadra di calcio locale, che aveva guidato da allenatore intorno alla fine degli anni 90. Villa si era segnalato nella stagione 94-95 alla guida della Juniores, squadra zeppa di talenti che aveva vinto il campionato. Poi a Villa era stata affidata la prima squadra, capace nel ‘98 di fare il salto della Prima Categoria alla Promozione. Molti in città ricordano ancora lo spareggio per salire di categoria che si giocò sul neutro di Collegno, con un’invasione biancorossa di 500 tifosi arrivati da Susa. Era un calcio diverso, che però faceva epoca.

Ferroviere con la grande passione per il calcio, Villa era anche un ottimo preparatore atletico, come ricorda oggi il presidente del Susa Calcio, Piergiorgio Perino: «Io e il Susa perdiamo un amico, un allenatore che aveva dato una grande impronta alle nostre squadre. Daniele aveva un carattere sanguigno e le sue battute erano sempre molto incisive e stimolanti nei confronti sia dei calciatori che di noi dirigenti. Io all’epoca ero il segretario del club. Ricordo sempre di quella volta che a un nostro calciatore disse: “Tieni la palla bassa, che quando viene giù è carica di neve!” Un tormentone che è rimasto a lungo nei nostri ricordi. Questo per dire che era davvero un grande uomo di calcio. Abbiamo tanti bei ricordi di lui, non ultime le discussioni e le chiacchierate con il presidente Mario Quaglino. Due anni fa l’avevo cercato per sondare la sua disponibilità a prendere in mano la nostra squadra, che era rimasta senza allenatore. Mi aveva risposto: “Prima lasciami andare in pensione, poi vediamo”. Il calcio di Susa perde davvero una persona speciale».

Daniele Villa, che potrebbe avere contratto il Covid in occasione del matrimonio della figlia Eleonora il 31 luglio, lascia due figlie, Eleonora e Arianna, un figlio, Alessandro, e la moglie Carla Scoffone, ricoverata per Covid e dimessa dall’ospedale lo scorso fine settimana. Altri casi di Covid si sono registrati tra gli invitati al matrimonio.

Su Luna Nuova di venerdì 3 settembre 2021

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

AGGIORNAMENTI

Morgan

Morgan

Dalle arpe a Morgan: lo spettacolo in quota tra musica, gite e circo

APPUNTAMENTI CULTURALI

Wooden Elephant

Wooden Elephant

La musica da Boccherini a Björk

MUSICA DAL VIVO

Il francoprovenzale e la parlata della montagna di Condove

Il francoprovenzale e la parlata della montagna di Condove

CULTURA LOCALE

No Tav, parla Banchieri: «Solidarietà ai feriti, ma non si criminalizzi il Festival Alta Felicità»

Tensioni No Tav, parla Banchieri: «Solidarietà ai feriti, ma non si criminalizzi il Festival Alta Felicità»

TORINO-LIONE

Almese: 15 nuove bacheche per le affissioni pubbliche

Almese: 15 nuove bacheche per le affissioni pubbliche

TERRITORIO

Chiusa S.Michele: addio a Marco Bruno, anima della casa alpina di Bessen Haut

Chiusa S.Michele: addio a Marco Bruno, anima della casa alpina di Bessen Haut

LUTTO

Agricoltori in ginocchio: la siccità manda in fumo mezzo raccolto

Agricoltori in ginocchio: la siccità manda in fumo mezzo raccolto

COLDIRETTI

Mompantero: escursionista precipita sul Rocciamelone e perde la vita

Mompantero: escursionista precipita sul Rocciamelone e perde la vita

DRAMMA

S.Didero: il pendolo No Tav contro le recinzioni del fortino-autoporto

S.Didero: il pendolo No Tav contro le recinzioni del fortino-autoporto

FESTIVAL ALTA FELICITÀ