A32

Salbertrand, aiutava i migranti a salire sui tir verso la Francia: arrestato un passeur

Operazione della polizia all'area di servizio "Gran Bosco ovest". Si erano imbarcati dall'Egeo pagando anche 12mila dollari a persona

30 Ottobre 2021 - 11:39

Un cittadino iracheno di 32 anni è stato arrestato nei giorni scorsi in flagranza di reato per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina: l'uomo è stato anche denunciato in stato di libertà per resistenza a pubblico ufficiale. L'operazione è stata condotta in modo congiunto dagli uomini del commissariato di polizia di Bardonecchia, del settore di polizia di frontiera di Bardonecchia e dalla polizia stradale di Torino e di Susa.

La vicenda trae origine da una serie di episodi registrati nei mesi scorsi nelle aree di servizio di Rivoli e Salbertrand, lungo l'A32 Torino-Bardonecchia, nel corso dei quali, nelle ore notturne, alcuni migranti si erano introdotti abusivamente all’interno degli autoarticolati in sosta nelle aree, diretti al confine, con l'obiettivo di migrare verso la Francia, attraverso il valico autostradale del Frejus. Alcuni autisti dei camion interessati, ignari dell’intrusione, accortisi solo la mattina della presenza dei passeggeri abusivi, avevano anche contattato la polizia stradale per riferire l’anomalia.

A seguito di tali segnalazioni, sono stati predisposti alcuni servizi congiunti finalizzati all’individuazione dei responsabili, che hanno portato all'arresto di uno dei responsabili del traffico di migranti. Gli operatori del commissariato e del settore frontiera di Bardonecchia e quelli della polstrada, dislocandosi in punti strategici precedentemente individuati a ridosso dell’area di servizio Gran Bosco e della stazione ferroviaria di Salbertrand, hanno potuto constatare l’arrivo in stazione, nel corso della serata, di circa 50 migranti, su diversi convogli ferroviari provenienti da Torino: essi venivano poi suddivisi in gruppi e indirizzati verso il parcheggio dei tir dell’area di servizio “Gran Bosco Ovest” sull’autostrada A32 Torino-Bardonecchia.

L’intervento tempestivo degli operatori ha permesso di rintracciare, identificare e arrestare in flagranza del reato un passeur mentre si adoperava, dopo aver fatto scavalcare la recinzione del parcheggio, a introdurre clandestinamente all’interno di un tir in sosta 10 migranti, per poi chiuderli all’interno. Dalla testimonianza di alcuni dei migranti coinvolti è stato possibile ricostruire l’intero viaggio intrapreso dal loro Paese di origine fino a Salbertrand. In particolare, gli stessi si sarebbero imbarcati, su barconi, da un porto dell'Egeo verso le coste del sud d’Italia, pagando anche 12mila dollari a persona, per poi giungere a Torino nella speranza di riuscire a oltrepassare clandestinamente il valico di frontiera francese, pagando per quest’ultima tratta 120 euro.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

AGGIORNAMENTI

Morgan

Morgan

Dalle arpe a Morgan: lo spettacolo in quota tra musica, gite e circo

APPUNTAMENTI CULTURALI

Wooden Elephant

Wooden Elephant

La musica da Boccherini a Björk

MUSICA DAL VIVO

Il francoprovenzale e la parlata della montagna di Condove

Il francoprovenzale e la parlata della montagna di Condove

CULTURA LOCALE

No Tav, parla Banchieri: «Solidarietà ai feriti, ma non si criminalizzi il Festival Alta Felicità»

Tensioni No Tav, parla Banchieri: «Solidarietà ai feriti, ma non si criminalizzi il Festival Alta Felicità»

TORINO-LIONE

Almese: 15 nuove bacheche per le affissioni pubbliche

Almese: 15 nuove bacheche per le affissioni pubbliche

TERRITORIO

Chiusa S.Michele: addio a Marco Bruno, anima della casa alpina di Bessen Haut

Chiusa S.Michele: addio a Marco Bruno, anima della casa alpina di Bessen Haut

LUTTO

Agricoltori in ginocchio: la siccità manda in fumo mezzo raccolto

Agricoltori in ginocchio: la siccità manda in fumo mezzo raccolto

COLDIRETTI

Mompantero: escursionista precipita sul Rocciamelone e perde la vita

Mompantero: escursionista precipita sul Rocciamelone e perde la vita

DRAMMA

S.Didero: il pendolo No Tav contro le recinzioni del fortino-autoporto

S.Didero: il pendolo No Tav contro le recinzioni del fortino-autoporto

FESTIVAL ALTA FELICITÀ