COVID-19

Spinge il calo dei positivi in valli e cintura: -27,56% in una settimana

Discesa omogenea in tutte le macro-aree. Intanto il Piemonte torna con numeri da "zona gialla"

03 Febbraio 2022 - 23:40

Spinge il calo dei positivi in valli e cintura: -27,56% in una settimana

di MARCO GIAVELLI

La curva dei contagi consolida la sua discesa: il trend settimanale degli attualmente positivi in valli e cintura segna un confortante -27,56 per cento contro il -8,40 di sette giorni fa, segno che anche sul nostro territorio il quadro pandemico è in costante miglioramento. Secondo i dati della mappa Covid aggiornati a ieri, le persone infette sono 11277, ovvero 4291 in meno rispetto allo scorso giovedì: una situazione in linea con quella di tutto il Piemonte, dove nella settimana dal 24 al 30 gennaio l’Rt puntuale calcolato sulla data di inizio sintomi si è ulteriormente abbassato sotto la soglia di 1, scendendo da a 0.9 a 0.73; migliora anche l’incidenza, che passa a 1367,10 casi ogni 100mila abitanti (era 2064,12). Anche la percentuale di positività dei tamponi si riduce dal 29 al 24 per cento.

Dati incoraggianti anche per quanto riguarda il tasso di occupazione dei posti letto di terapia intensiva, che si abbassa dal 21,8 al 18,5 per cento, e quello dei posti letto ordinari, che passa dal 31,1 al 29,3, entrambi sotto la soglia di allerta. «I dati ospedalieri sono tornati sotto la soglia di allerta, con numeri da “zona gialla”, e anche la situazione epidemiologica in Piemonte continua a migliorare - sottolineano il governatore Alberto Cirio e l’assessore regioale alla sanità Luigi Icardi - Continua la discesa della curva del contagio, ma manteniamo alta l’attenzione e andiamo avanti con la campagna vaccinale».

Ieri si è inoltre svolta una riunione dell’Osservatorio Covid sulla scuola dedicata alle nuove misure decise dal governo: all’incontro erano presenti l’assessora regionale all’istruzione Elena Chiorino e il commissario dell’area giuridico-amministrativa dell’Unità di Crisi Antonio Rinaudo, il consulente strategico Covid Pietro Presti, il direttore dell’Ufficio scolastico regionale Fabrizio Manca, il presidente e il vicepresidente della commissione salute del consiglio regionale, Alessandro Stecco e Domenico Rossi, i responsabili territoriali dei Sisp e i vertici dell’assessorato regionale alla sanità.

«Queste nuove disposizioni - commenta Cirio - rappresentano il primo risultato delle semplificazioni che le Regioni hanno chiesto con forza per settimane. Non era pensabile proseguire con le regole attuali, che hanno creato una grande confusione tra le famiglie e imposto uno sforzo enorme al sistema sanitario. Regole per di più poco efficaci per garantire la scuola in presenza e, soprattutto, la giusta differenziazione tra vaccinati e no. Chi vaccina i propri figli compie un gesto di responsabilità e di fiducia, perché si affida alla scienza, ed è giusto che questa fiducia venga premiata e ripagata. Significa lasciare che un bambino vaccinato possa andare a scuola, in sicurezza, come per altro viene consentito a un adulto di andare al lavoro».

A livello locale, la discesa dei casi si presenta questa settimana del tutto omogenea fra le varie macro-aree. Quella con la tendenza migliore è la cintura ovest con 5176 positivi (-2163) e una diminuzione settimanale pari al 29,47 per cento: Rivoli 1360 (-499), Collegno 1319 (-610), Grugliasco 1090 (-568), Pianezza 472 (-221), Alpignano 457 (-151), Buttigliera 228 (-37), Rosta 144 (-55), Villarbasse 106 (-22).

Segue la valle di Susa con 2482 infetti (-875) e un calo del 26,06 per cento negli ultimi sette giorni. In bassa valle sono 2195: Avigliana 388 (-89), Almese 243 (-51), Susa 230 (-99), Bussoleno 170 (-33), Sant’Ambrogio 165 (-53), Condove 115 (-58), Sant’Antonino 95 (-39), Villardora 94 (-65), Caprie 77 (-2), Rubiana 67 (-39), Villarfocchiardo 65 (+4), Caselette 63 (-46), Vaie 61 (-7), Borgone 53 (-38), Bruzolo 53 (-14), Chianocco 53 (-4), Chiusa San Michele 51 (-18), San Giorio 51 (+7), Venaus 36 (-6), San Didero 20 (-8), Mattie 19 (-2), Novalesa 17 (-7), Mompantero 9 (-22). In alta valle 287: Oulx 71 (-35), Bardonecchia 64 (-57), Meana 26 (-14), Gravere 21 (+10), Sauze d’Oulx 20 (-7), Cesana 16 (-3), Giaglione 15 (-21), Chiomonte 15 (-15), Salbertrand 13 (-9), Sauze di Cesana 9 (-4), Exilles 8 (-14), Sestriere 7 (-15), Claviere 1 (-3), Moncenisio 1 (+1).

Quindi la val Sangone con 769 positivi (-269), per un ribasso del 25,92 per cento: Giaveno 398 (-104), Trana 111 (-71), Sangano 103 (-24), Coazze 97 (-41), Reano 41 (-19), Valgioie 19 (-10).

Infine la cintura sud con 2850 infetti (-984) per una discesa del 25,67 per cento: Orbassano 661 (-230), Piossasco 641 (-192), Rivalta 535 (-193), Beinasco 466 (-202), Volvera 296 (-87), Bruino 251 (-80).

su Luna Nuova di venerdì 4 febbraio 2022

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

AGGIORNAMENTI

Morgan

Morgan

Dalle arpe a Morgan: lo spettacolo in quota tra musica, gite e circo

APPUNTAMENTI CULTURALI

Wooden Elephant

Wooden Elephant

La musica da Boccherini a Björk

MUSICA DAL VIVO

Il francoprovenzale e la parlata della montagna di Condove

Il francoprovenzale e la parlata della montagna di Condove

CULTURA LOCALE

No Tav, parla Banchieri: «Solidarietà ai feriti, ma non si criminalizzi il Festival Alta Felicità»

Tensioni No Tav, parla Banchieri: «Solidarietà ai feriti, ma non si criminalizzi il Festival Alta Felicità»

TORINO-LIONE

Almese: 15 nuove bacheche per le affissioni pubbliche

Almese: 15 nuove bacheche per le affissioni pubbliche

TERRITORIO

Chiusa S.Michele: addio a Marco Bruno, anima della casa alpina di Bessen Haut

Chiusa S.Michele: addio a Marco Bruno, anima della casa alpina di Bessen Haut

LUTTO

Agricoltori in ginocchio: la siccità manda in fumo mezzo raccolto

Agricoltori in ginocchio: la siccità manda in fumo mezzo raccolto

COLDIRETTI

Mompantero: escursionista precipita sul Rocciamelone e perde la vita

Mompantero: escursionista precipita sul Rocciamelone e perde la vita

DRAMMA

S.Didero: il pendolo No Tav contro le recinzioni del fortino-autoporto

S.Didero: il pendolo No Tav contro le recinzioni del fortino-autoporto

FESTIVAL ALTA FELICITÀ