Ravenna calcio: game over

L'Alta Corte di Giustizia del Coni ha respinto il ricorso dei giallorossi, che ora saranno costretti a ripartire dall'Eccellenza o dalla serie D. L'unica ancora di salvezza è il Tar del Lazio

20 Ottobre 2011 - 19:08

Ravenna calcio: game over

ROMA - Il Ravenna rischia di sparire dal calcio. L'Alta Corte di Giustizia del Coni ha infatti respinto oggi il ricorso dei giallorossi contro la mancata ammissione alla Lega Pro. A questo il Ravenna è fuori dai campionati professionistici, vedendosi inoltre sbarrare le porte della giustizia sportiva. L'iter burocratico nei tribunali competerenti è infatti terminato, e ora la società potrà decidere se affidarsi al Tar, uscendo però dai canoni sportivi. Si attendono ora le prime reazioni del presidente Sergio Aletti in merito a quanto accaduto.

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

ultima ora

Dal Colle delle Finestre a Bardonecchia fino a Susa: festa rosa in valle per il Giro

Dal Colle delle Finestre a Bardonecchia fino a Susa: festa rosa in valle per il Giro

CICLISMO

Giro d'Italia: confermato il passaggio al Colle delle Finestre

Giro d'Italia: confermato il passaggio al Colle delle Finestre

CICLISMO

Il fiume del popolo No Tav marcia da Rosta ad Avigliana

Il fiume del popolo No Tav marcia da Rosta ad Avigliana

MANIFESTAZIONE

Bussoleno, partita la settima edizione di Critical Wine

Bussoleno, partita la settima edizione di Critical Wine

WEEKEND

Rivoli: la scuola dell'infanzia Andersen come nuova

Rivoli: la scuola dell'infanzia Andersen come nuova

CASCINE VICA

Autofrejus: sarà una domenica da "bollino rosso"

Autofrejus: sarà una domenica da "bollino rosso"

VIABILITÀ

Rivoli: 1600 studenti in piazza per "Viva con le scuole"

Rivoli: 1600 studenti in piazza per "Viva con le scuole"

ASL TO3

Rivoli: monsignor Bettazzi e don Ciotti per Martin Luther King

Rivoli: monsignor Bettazzi e don Ciotti per Martin Luther King

CHIESA BATTISTA

Werba e Baillieu al Conservatorio con musiche di Schubert, Faurè, Debussy, Ravel e Schumann

Werba e Baillieu al Conservatorio con musiche di Schubert, Faurè, Debussy, Ravel e Schumann

MUSICA