Via ai nuovi autovelox sui corsi Francia e Allamano

Il Comune accusato di volere fare cassa. Attesi 400mila euro

RIVOLI - Da sabato sono entrati in funzione definitivamente gli autovelox piazzati su due grandi assi della città che la collegano con Torino: corso Allamano e corso Francia.Paolo Chiavarino, assessore alle finanze, aveva ipotizzato, nella primavera scorsa, proprio sulle pagine di “Luna Nuova” un’entrata di 400mila euro al mese. I Due autovelox si trovano in corso Francia (uno per corsia di marcia) in prossimità del municipio, all’altezza del civico 31 in direzione ovest e all’altezza civico 88/A in direzione est. L’altro, invece, su corso Allamano, all’altezza del civico 149 nei pressi del distributore tra la rotonda di via Pavia e la rotonda dell’hotel Tulip Inn. Grossi cartelli segnalano oggi le zone controllate. Nelle prossime settimane si avranno i primi dati e si capirà quanti saranno i multati. Per chi incapperà nella sanzione, una piccola buona notizia: per pagarla non servirà spostarsi ma si potrà visualizzarla e pagarla on line. Il Pdl di Rivoli, annuncia una manifestazione e invita i rivolesi «a protestare contro questa assurda decisione del sindaco e della sua giunta».

Su Luna Nuova di martedì 6 dicembre

 

1

Commenti degli utenti

marmillotta - 06/03/2012

L'installazione di autovelox sulla SP. n 7 nel tratto denominato corso Allamano del comune di Rivoli, è una vergogna e una illegalità. E' una vergogna per gli amministratori di Rivoli e dei comuni limitrofi che intendono fare cassa a spese dei poveri pendolari che ogni giorno devono spostarsi dalla cintura torinese per raggiungere il posto di lavoro nel capoluogo; depauperano le già magre finanze delle famiglie che hanno difficoltà a raggiungere la fine di ogni mese ed il pagamento di una multa sottrae risorse essenziali alle famiglie. Tutto ciò avviene da parte di una classe politica eletta dal popolo e che si dichiara a servizio di essa e nel disinteresse di amministratori provinciali e del Prefetto che dovrebbe far applicare la circolare dell'ex ministro dell'interno Maroni che permetteva solo agli organi di polizia e carabinieri la gestione di autovelox nelle strade extraurbane. Qualunque cosa si possa dire, C.so allamano è la Strada Provinciale n.7, che per le sue caratteristiche (3 corsie per ogni senso di marcia) dovrebbe consentire, ai sensi del codice stradale, limiti di velocità pari a 110 km/h e non a 70 km/h. E’ bene sanzionare limiti di velocità eccessivi quali quelli citati di 160 km/h; è ridicolo, fuorviante e capzioso dichiarare che il limite imposto di 70 km/h serve per la sicurezza stradale. E’ illegale, vessatorio e colluso anche quanto deliberato dall’amministrazione provinciale di cedere tratti di strada provinciale ai comuni interessati al solo scopo di fare cassa; mi risulta che durante le recenti nevicate nessuno dei comuni interessati a fare cassa, si sono adoperati a liberare dalla neve i tratti di strada a loro affidati. Si dovrebbe vergognare l’assessore alle finanze del comune di Rivoli a dichiarare previsioni di entrata pari a 400 euro mensili, si consideri una jena anziché un rappresentante del popolo. Spero che questo mio sfogo possa attirare l’attenzione di associazioni dei consumatori, in primis, a segnalare agli organi preposti quali: Amministrazione Provinciale per far revocare le delibere di concessione fatte,;il Prefetto , nella qualità di rappresentante del governo per accettare i ricorsi dei cittadini e far annullare le sanzioni applicate dai comuni, e nella latitanza dei preposti, spero che intervenga anche la neo ministro degli interni , on Annamaria Cancellieri per ripristinare la legalità in tale strada venendo incontro alle vessazioni che quotidianamente subiscono i cittadini da parte di politici senza scrupoli. Al caro direttore di "Luna nuova" porgo cordiali saluti augurandomi che pubblicherà questo scritto, dandomi cortese riscontro. Marco Armillotta

Lascia un commento