In 500 sfidano la bufera con le fiaccole

Solidarietà al ragazzo colpito da un lacrimogeno

GIAGLIONE ha accolto con un tempo da lupi i circa 500 coraggiosi No Tav che hanno dato vita, venerdì scorso, alla fiaccolata di solidarietà ai feriti dell’8 dicembre. Prima la pioggia, poi il vento, infine anche una leggera nevicata hanno messo a dura prova, insieme alle ripide salite del paese, la resistenza della piccola aliquota del popolo No Tav salita a Giaglione per testimoniare la propria vicinanza ai feriti nei boschi di Clarea ed in particolare a Yuri, il 16enne di Venaus colpito alla testa da un lacrimogeno e dimesso il giorno precedente dal Cto

Su Luna Nuova di martedì 20 dicembre

 


0

Commenti degli utenti