Sblocca Italia, arrivano altri rifiuti al termovalorizzatore

Il decreto annulla il tetto annuo fissato dalla Provincia

Anni di battaglie e riunioni andati letteralmente in fumo con una firma: l’entrata in vigore del decreto Slocca Italia cancella infatti il tetto annuo fissato dall’autorizzazione ambientale della Provincia e fa partire la guerra di cifre sul territorio. Non è infatti ancora certa la portata del provvedimento: da una parte il Comitato di controllo del termovalorizzatore assicura che l’articolo 35 dello Sblocca Italia non porterà automaticamente all’aumento di rifiuti da bruciare al Gerbido, mentre il presidente di Trm Bruno Torresin fa cifre precise e dichiara che l’obiettivo è passare dalle attuali 421mila tonnellate annue autorizzate a un massimo di 490mila. Oltre le questioni tecniche, comunque, il dato reale è che i rifiuti in arrivo potranno aumentare eccome.

su Luna Nuova di venerdì 30 gennaio 2015


0

Commenti degli utenti