Con il parapendio sull'alta tensione: muore fulminato

La disgrazia in val di Lanzo, la vittima è di Beinasco

«Era una persona così gentile, grande appassionato di sport, sempre in movimento alla ricerca di nuove emozioni». Sono ancora costernati i vicini di casa di Valter Casale, il 58enne bancario morto sabato scorso dopo essere stato fulminato da un cavo dell’alta tensione sul quale si era impigliato con il suo parapendio. In via Montello la notizia è arrivata nel tardo pomeriggio di sabato con il viavai dei famigliari nella vecchia casa di famiglia dove al piano terra abita ancora una zia di Valter. Una vera ecatombe quella che si è verificata negli ultimi quattro giorni, nei quali si sono contate altrettante vittime.

 

Su Luna Nuova di martedì 7 luglio 2015


0

Commenti degli utenti