MUSICA

Il Quartetto Echos suona Mozart, Beethoven e Webern

Le stagioni della melodia al teatro Fassino di Avigliana

15 Gennaio 2015 - 21:03

Il Quartetto Echos suona Mozart, Beethoven e Webern

La rassegna “Le stagioni della melodia” prosegue questa sera alle 21 al teatro Fassino di Avigliana (via IV Novembre 19) con il Quartetto Echos del conservatorio Giuseppe Verdi di Torino, impegnato in un programma di musica da camera con brani di Mozart (Quartetto KV 465), Beethoven (Quartetto opera 18 numero 1) e Webern (“Langsamer Satz”). Il quartetto d’archi Echos nasce nel 2013 all’interno del conservatorio Verdi ed è composto da Andrea Maffolini (primo violino), Ida Di Vita (secondo violino), Giulia Bombonati (viola), Martino Maina (violoncello). Ingresso 5 euro. Info 011/ 9769117.



su Luna Nuova di venerdì 16 gennaio 2015



Leggi l'articolo completo cliccando qui!

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

ultima ora

Torino No Tav: l'intervento di Alberto Perino dal palco di piazza Castello

Torino No Tav: l'intervento di Alberto Perino dal palco di piazza Castello

MANIFESTAZIONE

8 dicembre: le donne No Tav in corteo a Torino

8 dicembre: le donne No Tav in corteo a Torino

MANIFESTAZIONE

Torino invasa dai No Tav: 70mila in corteo

Torino invasa dai No Tav: 70mila in corteo

MANIFESTAZIONE

Torino No Tav: in migliaia sfilano nelle vie del centro

Torino No Tav: in migliaia sfilano nelle vie del centro

MANIFESTAZIONE

Almese: sul Musiné ricompare la scritta No Tav

Almese: sul Musiné ricompare la scritta No Tav

STAMATTINA

Avigliana, con un bastone in classe per farsi giustizia

Avigliana, con un bastone in classe per farsi giustizia

AGGRESSIONE

Almese: rimossa parte della scritta No Tav sul Musinè

Almese: rimossa parte della scritta No Tav sul Musinè

STAMATTINA

Perla 2.0: Bardonecchia ammoderna l'accoglienza

Perla 2.0: Bardonecchia ammoderna l'accoglienza

TURISMO

il Quartetto Casals

il Quartetto Casals

Haydn, Mozart e Schubert: Ottavio Dantone dirige (e suona) l’Orchestra Rai

CLASSICA