Utoya, parlano i sopravvissuti

"Molti hanno finto di essere morti, altri si sono gettati in acqua". Il raccontano di alcuni ragazzi che si trovavano sull'isola quando è avvenuta la sparatoria

20 Ottobre 2011 - 19:08

Utoya, parlano i sopravvissuti

UTOYA (Norvegia) - Ha urlato ai ragazzi di avvicinarsi e quando questi l'hanno fatto li ha uccisi. I racconti dei giovani sopravvissuti alla sparatoria sull'isola norvegese di Utoya, in cui un uomo travestito da poliziotto ha ucciso almeno 84 partecipanti al campo estivo del partito laburista, descrivono momenti di puro terrore. Dopo averli radunati, l'uomo ha estratto armi e munizioni da una borsa e ha sparato contro di loro. Quando erano a terra si è assicurato fossero morti, colpendoli di nuovo. "Per sopravvivere molti hanno fatto finta di essere morti", è il drammatico racconto del 21enne Dana Berzingi. "Ho perso diversi amici", ha aggiunto il ragazzo, portato con gli altri sopravvissuti in un hotel del villaggio di Sundvollen. Ha spiegato di aver utilizzato il cellulare di uno dei suoi amici per chiamare la polizia.

L'uomo, identificato da una tv locale come il 32enne norvegese Anders Behring Breivik, ha sparato, inseguendoli, anche ai ragazzi che tentavano di fuggire gettandosi in acqua per allontanarsi a nuoto. "Ho visto molti morti, penso più di dieci, ha sparato prima alle persone sull'isola e poi su quelle scappate nell'acqua", ha raccontato Elise, 15enne che si è nascosta dietro la roccia su cui si era posizionato l'attentatore: "Lo sentivo respirare", ha detto. Nel panico, la ragazza ha telefonato ai genitori, bisbigliando loro cosa stesse accadendo: "Mi hanno detto di restare calma e che tutto sarebbe andato a posto" e suggerito di togliere il giubbotto colorato, per non attirare l'attenzione.

Un'altra ragazza sull'isola, Emilie Bersaas, ha raccontato di essersi nascosta sotto un letto in una scuola: "A un certo punto gli spari erano molto, molto vicini all'edificio, penso che il palazzo sia stato colpito una volta e le persone nella camera accanto hanno gridato". Ha aggiunto: "Sono rimasta sotto il letto per due ore e poi i poliziotti hanno infranto le finestre e sono entrati. Sembra una cosa irreale, soprattutto in Norvegia". Un altro sopravvissuto tra i ragazzi che partecipavano al campo sull'isola, Niclas Tokerud, durante la sparatoria è rimasto in contatto attraverso messaggi sms con la sorella Nadia Tokerud, che ha spiegato: "Mi ha mandato un messaggio con scritto: 'C'è una sparatoria. Sono spaventato ma sono nascosto e al sicuro. Ti voglio bene'". Mentre si allontanava in barca dall'isola, quando il pericolo era passato, le ha poi scritto: "Sono al sicuro".

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

AGGIORNAMENTI

Morgan

Morgan

Dalle arpe a Morgan: lo spettacolo in quota tra musica, gite e circo

APPUNTAMENTI CULTURALI

Wooden Elephant

Wooden Elephant

La musica da Boccherini a Björk

MUSICA DAL VIVO

Il francoprovenzale e la parlata della montagna di Condove

Il francoprovenzale e la parlata della montagna di Condove

CULTURA LOCALE

No Tav, parla Banchieri: «Solidarietà ai feriti, ma non si criminalizzi il Festival Alta Felicità»

Tensioni No Tav, parla Banchieri: «Solidarietà ai feriti, ma non si criminalizzi il Festival Alta Felicità»

TORINO-LIONE

Almese: 15 nuove bacheche per le affissioni pubbliche

Almese: 15 nuove bacheche per le affissioni pubbliche

TERRITORIO

Chiusa S.Michele: addio a Marco Bruno, anima della casa alpina di Bessen Haut

Chiusa S.Michele: addio a Marco Bruno, anima della casa alpina di Bessen Haut

LUTTO

Agricoltori in ginocchio: la siccità manda in fumo mezzo raccolto

Agricoltori in ginocchio: la siccità manda in fumo mezzo raccolto

COLDIRETTI

Mompantero: escursionista precipita sul Rocciamelone e perde la vita

Mompantero: escursionista precipita sul Rocciamelone e perde la vita

DRAMMA

S.Didero: il pendolo No Tav contro le recinzioni del fortino-autoporto

S.Didero: il pendolo No Tav contro le recinzioni del fortino-autoporto

FESTIVAL ALTA FELICITÀ