MELEZET

Tromba d'aria a Bardonecchia

Sconvolto il Melezet: danni ma nessun ferito

06 Gennaio 2012 - 14:58

Tromba d'aria a Bardonecchia

Ancora una volta la frazione Melezet, dopo la frana del 2010, è stata vittima di un eccezionale fenomeno naturale. Giovedì sera infatti verso le 19 una tromba d'aria si è abbattuta su una parte della frazione creando numerosi danni. Tetti scoperchiati e sfondati, abeti spezzati e sradicati, tegole volate nelle strade, finestre distrutte. Fortunatamente non si sono registrati danni alle persone. «Miracolosamente -  racconta una residente ancora sotto choc - Un gruppo di scout è transitato per la strada principale alcuni minuti prima. Si è sentito un boato fortissimo, poi la furia del vento. Tutto che volava, veramente impressionante».

«Da anni vivo a Melezet ma non avevo mai assistito ad un fenomeno del genere», commenta Roberto Clozza, ex dipendente della società degli impianti. «Sul mio garage si è abbattuto un palo, tutta la strada era piena di tegole e lamiere».

«Tanti anni di sacrifici e di lavoro, poi in un attimo tutto scompare – constata amaramente la proprietaria di una casa col tetto scoperchiato - Ieri sera ho avuto tanta paura, mai così in vita mia».

Un altro residente: «La furia del vento è riuscita ad aprire le finestre della mia mansarda e ho ritrovato alcune pietre sotto un armadio».

«Le finestre di casa sono completamente distrutte - racconta il maestro di sci Claudio Giacoma - Incredibilmente l'auto invece posteggiata in strada si è salvata».

Grazie al tempestivo intervento dei vigili del fuoco, gli effettivi di Susa e i volontari locali, e dei cantonieri comunali, nella frazione si è ristabilito l'ordine già ieri. Hanno sgomberato le strade e hanno cercato di mettere in sicurezza provvisoriamente l'abitato. Attualmente un'ordinanza del sindaco vieta l'accesso alla frazione, se non per i residenti.

Danni anche alla seggiovia quadriposto, sulle cui funi sono caduti dei larici. Da venerdì mattina diverse squadre di operai sono alle prese con attrezzature per  rimuovere gli alberi e rimettere in sicurezza l'impianto. Sfondato anche il tetto di un ricovero di mezzi e attrezzature della società impianti.

Problemi anche a Rochemolles, sempre dovuti alla furia del vento. Un gruppo di turisti ha potuto scendere da Rochemolles dove aveva cenato al ristorante 'L Fouie, solo verso l'una di notte. Sulla strada erano caduti diversi alberi e anche in questo caso i vigili del fuoco sono riusciti a sgomberare la strada solo dopo alcune ore.  


Luisa Maletto

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

Ultim'ora

"Coprifuoco" anche in Piemonte dalle 23 alle 5: si inizia lunedì

S.Antonino deserta durante il lockdown di marzo

"Coprifuoco" anche in Piemonte dalle 23 alle 5: si inizia lunedì

CORONAVIRUS

Condove: una capsula di speranza per la rinascita della materna Rodari

Condove: una capsula di speranza per la rinascita della materna Rodari

SCUOLA

Rivoli, pit stop tamponi: rivista la viabilità

Rivoli, pit stop tamponi: rivista la viabilità

SANITA'

Rivoli, pagava la merce ordinata online con assegni scoperti

Rivoli, pagava la merce ordinata online con assegni scoperti

TRUFFATORI

Vaie, schiarita Alcar: «La continuità produttiva sarà garantita»

L'assemblea di giovedì scorso davanti ai cancelli dello stabilimento Alcar di Vaie

Vaie, schiarita Alcar: «La continuità produttiva sarà garantita»

OCCUPAZIONE

Vaie, crisi Alcar: parte il tavolo con le istituzioni

Vaie, crisi Alcar: parte il tavolo con le istituzioni

OCCUPAZIONE

Vaie, crisi Alcar: parte il tavolo con le istituzioni

Vaie, crisi Alcar: parte il tavolo con le istituzioni

OCCUPAZIONE

Orbassano , tentata violenza nel garage di un condominio

Orbassano , tentata violenza nel garage di un condominio

CRMINALITA'

Rubavano le borse alle donne che pregavano in chiesa

Rubavano le borse alle donne che pregavano in chiesa

CRMINALITA'