CHIANOCCO

I vandali mettono sotto sopra la sede della Polisportiva

Chianocco: l'episodio nella notte tra venerdì e sabato

21 Maggio 2012 - 20:22

I vandali mettono sotto sopra la sede della Polisportiva

GUARDA LA FOTOGALLERY



Un gruppo di vandali ha devastato la sede della Polisportiva chianocchina, anche sede dell’associazione culturale “Il leccio”. E’ successo nella notte tra venerdì e sabato. Che l’obiettivo fosse un furto è probabilmente da escludersi poiché le poche cose che sono state trafugate sono state ritrovate rotte nel prato adiacente. I malviventi si sono, invece, accaniti nel fra danni mettendo sotto sopra e rompendo quasi tutto.

su Luna Nuova di martedì 22 maggio

 

 

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

Ultim'ora

Alpignano, sarà ballottaggio tra Palmieri e Oliva

Alpignano, sarà ballottaggio tra Palmieri e Oliva

ELEZIONI

Alpignano, Palmieri domina il primo turno

Alpignano, Palmieri domina il primo turno

ELEZIONI

"Altius" atto terzo: prove di soccorso anche sulle pareti rocciose di Caprie

"Altius" atto terzo: prove di soccorso anche sulle pareti rocciose di Caprie

3° REGGIMENTO ALPINI

L'Everesting sul Rocciamelone di Alessandro Coletta: prima salita compiuta

L'Everesting sul Rocciamelone di Alessandro Coletta: prima salita compiuta

SFIDA

"Nonni, datemi i soldi della droga di vostro nipote": pusher arrestato a Borgone

"Nonni, datemi i soldi della droga di vostro nipote": pusher arrestato a Borgone

CARABINIERI

Rivoli, il futuro di Villa Melano passa dal Castello

Rivoli, il futuro di Villa Melano passa dal Castello

PROGETTO

No Tav: Dana Lauriola prelevata dalla sua casa di Bussoleno e portata in carcere

No Tav: Dana Lauriola prelevata dalla sua casa di Bussoleno e portata in carcere

PROTESTA

Condove: ritrovato nella Dora il corpo dell'uomo disperso

Condove: ritrovato nella Dora il corpo senza vita dell'uomo disperso

DRAMMA

Smarino Tav a Susa: l'Unione montana dice "no" alla variante

Smarino Tav a Susa: l'Unione montana dice "no" alla variante

TORINO-LIONE