CESANA

Otto condanne per la morte di Martino Audibert

Il bimbo morì nel 2008 dopo una caduta da un castello gonfiabile

22 Ottobre 2012 - 22:20

Otto condanne per la morte di Martino Audibert

«La giustizia questa volta ha funzionato, mi dispiace per coloro che sono stati condannati, ma l’incuria in medicina non è accettabile: mi dissero di star tranquillo, che era fuori pericolo, che non c’era da agitarsi tanto, e invece lo lasciarono morire». Questo il commento di Emilio Audibert, il papà del piccolo Martino, morto a 8 anni in seguito ad una caduta da uno di quei castelli gonfiabili su cui i bambini salgono per divertirsi. L’incidente avvenne il primo marzo 2008. Otto, in totale, le condanne pronunciate dai giudici.

su Luna Nuova di martedì 23 ottobre

 

 

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

Ultim'ora

"Coprifuoco" anche in Piemonte dalle 23 alle 5: si inizia lunedì

S.Antonino deserta durante il lockdown di marzo

"Coprifuoco" anche in Piemonte dalle 23 alle 5: si inizia lunedì

CORONAVIRUS

Condove: una capsula di speranza per la rinascita della materna Rodari

Condove: una capsula di speranza per la rinascita della materna Rodari

SCUOLA

Rivoli, pit stop tamponi: rivista la viabilità

Rivoli, pit stop tamponi: rivista la viabilità

SANITA'

Rivoli, pagava la merce ordinata online con assegni scoperti

Rivoli, pagava la merce ordinata online con assegni scoperti

TRUFFATORI

Vaie, schiarita Alcar: «La continuità produttiva sarà garantita»

L'assemblea di giovedì scorso davanti ai cancelli dello stabilimento Alcar di Vaie

Vaie, schiarita Alcar: «La continuità produttiva sarà garantita»

OCCUPAZIONE

Vaie, crisi Alcar: parte il tavolo con le istituzioni

Vaie, crisi Alcar: parte il tavolo con le istituzioni

OCCUPAZIONE

Vaie, crisi Alcar: parte il tavolo con le istituzioni

Vaie, crisi Alcar: parte il tavolo con le istituzioni

OCCUPAZIONE

Orbassano , tentata violenza nel garage di un condominio

Orbassano , tentata violenza nel garage di un condominio

CRMINALITA'

Rubavano le borse alle donne che pregavano in chiesa

Rubavano le borse alle donne che pregavano in chiesa

CRMINALITA'