CESANA

Otto condanne per la morte di Martino Audibert

Il bimbo morì nel 2008 dopo una caduta da un castello gonfiabile

22 Ottobre 2012 - 22:20

Otto condanne per la morte di Martino Audibert

«La giustizia questa volta ha funzionato, mi dispiace per coloro che sono stati condannati, ma l’incuria in medicina non è accettabile: mi dissero di star tranquillo, che era fuori pericolo, che non c’era da agitarsi tanto, e invece lo lasciarono morire». Questo il commento di Emilio Audibert, il papà del piccolo Martino, morto a 8 anni in seguito ad una caduta da uno di quei castelli gonfiabili su cui i bambini salgono per divertirsi. L’incidente avvenne il primo marzo 2008. Otto, in totale, le condanne pronunciate dai giudici.

su Luna Nuova di martedì 23 ottobre

 

 

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

AGGIORNAMENTI

Meana, tredicenne cade con la bici: ricoverato al Regina Margherita

Meana, 13enne cade con la bici: ricoverato al Regina Margherita

INCIDENTE

S.Ambrogio: va a fuoco il tetto di una casa in via Bertassi

S.Ambrogio: va a fuoco il tetto di una casa in via Bertassi

ROGO

S.Ambrogio: va a fuoco il tetto di una casa in via Bertassi

S.Ambrogio: va a fuoco il tetto di una casa in via Bertassi

ROGO

Una mimosa per tutte le donne alla biblioteca di Susa

Una mimosa per tutte le donne alla biblioteca di Susa

8 MARZO

Dalmasso e Curie-Vittorini premiati per i loro progetti green

Dalmasso e Curie-Vittorini premiati per i loro progetti green

SCUOLA

Rivoli, riapre lunedì il poliambulatorio di via Piave

Rivoli, riapre lunedì il poliambulatorio di via Piave

SANITA'

Grugliasco, la facoltà di agraria tra le prime 150 al mondo

Grugliasco, la facoltà di agraria tra le prime 150 al mondo

ISTRUZIONE

Rosta inaugura un cippo in memoria di Giorgio Perlasca

Rosta inaugura un cippo in memoria di Giorgio Perlasca

RICORDO

Da lunedì Dad in tutto il Piemonte per 2ª-3ª media e scuole superiori

Da lunedì Dad in tutto il Piemonte per 2ª-3ª media e scuole superiori

CORONAVIRUS