TRAGEDIA

Slavina a Sauze d'Oulx, muore un modenese

Fuoripista nel vallone del Rio Nero: denunciati i tre amici

08 Dicembre 2012 - 19:37

Slavina a Sauze d'Oulx, muore un modenese

Tragedia sulle nevi di Sauze d'Oulx nel pomeriggio di oggi. Quattro sciatori modenesi sono stati travolti da una slavina staccatasi nel vallone del Rio Nero, in una zona non battuta dalle piste della Via Lattea. In serata gli uomini del soccorso alpino hanno estratto dalla massa di neve il corpo esanime di Simone Caselli, 39 anni, di Vignola. Gli altre tre amici erano stati salvati dai soccorsi, immediatamente allertati, ma sono poi stati denunciati per valanga colposa. Secondo gli accertamenti effettuati dalla polizia di Bardonecchia sono stati loro, insieme alla vittima, a provocare l’evento che ha portato alla tragedia, sciando fuori pista in una zona vietata.

su Luna Nuova di martedì 11 dicembre

 


Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

Ultim'ora

Villarfocchiardo: uomo disperso da ieri ritrovato senza vita

Villarfocchiardo: uomo disperso da ieri ritrovato senza vita

RICERCHE

Exilles: Fulgido Tabone è la prima "penna al merito"

Exilles: Fulgido Tabone è la prima "penna al merito"

PREMIAZIONE

Susa: una valle intera per l'ultimo abbraccio a Carlo Ravetto

Susa: una valle intera per l'ultimo abbraccio a Carlo Ravetto

LUTTO

Anastacia apre l'estate della grande musica

Anastacia apre l'estate della grande musica

MUSICA

S.Antonino: incidente in via Vignassa, un ferito

S.Antonino: incidente in via Vignassa, un ferito

CARABINIERI

Collegno, tre volti nuovi nella giunta del Casciano bis

Collegno, tre volti nuovi nella giunta del Casciano bis

POLITICA

Giaveno, Carlo Giacone sindaco al ballottagio

Giaveno, Carlo Giacone sindaco al ballottagio

ELEZIONI COMUNALI

Borgone in festa per i 90 anni del gruppo Alpini

Borgone in festa per i 90 anni del gruppo Alpini

ANNIVERSARIO

Pianezza, un piazza per la Legalità nel nome di Falcone e Borsellino

Pianezza, un piazza per la Legalità nel nome di Falcone e Borsellino

MEMORIA