DRAMMA

Ritrovato senza vita dopo quattro giorni

Lo studente torinese morto assiderato sopra Campo Smith

17 Gennaio 2013 - 22:29

Ritrovato senza vita dopo quattro giorni

Il suo corpo esanime è stato ritrovato martedì pomeriggio intorno alle 15 in località “Quattro strade”, poco sopra Campo Smith, non distante dalla pineta nei pressi del forte Bramafam. Resta avvolta nel mistero la morte di Vittorio Berto, il 30enne torinese affetto da disturbi mentali che sabato pomeriggio se n’era andato di casa facendo perdere le tracce di sé. Sul suo corpo i soccorritori non hanno rinvenuto segni di violenze: rimane dunque in piedi l’ipotesi di un possibile suicidio, ma non è da escludere che il giovane possa essere morto per assideramento dopo aver trascorso l’ultima notte all’addiaccio. Sarà comunque l’autopsia a stabile le esatte cause del decesso.

su Luna Nuova di venerdì 18 gennaio

 

 

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

Ultim'ora

Villarfocchiardo: uomo disperso da ieri ritrovato senza vita

Villarfocchiardo: uomo disperso da ieri ritrovato senza vita

RICERCHE

Exilles: Fulgido Tabone è la prima "penna al merito"

Exilles: Fulgido Tabone è la prima "penna al merito"

PREMIAZIONE

Susa: una valle intera per l'ultimo abbraccio a Carlo Ravetto

Susa: una valle intera per l'ultimo abbraccio a Carlo Ravetto

LUTTO

Anastacia apre l'estate della grande musica

Anastacia apre l'estate della grande musica

MUSICA

S.Antonino: incidente in via Vignassa, un ferito

S.Antonino: incidente in via Vignassa, un ferito

CARABINIERI

Collegno, tre volti nuovi nella giunta del Casciano bis

Collegno, tre volti nuovi nella giunta del Casciano bis

POLITICA

Giaveno, Carlo Giacone sindaco al ballottagio

Giaveno, Carlo Giacone sindaco al ballottagio

ELEZIONI COMUNALI

Borgone in festa per i 90 anni del gruppo Alpini

Borgone in festa per i 90 anni del gruppo Alpini

ANNIVERSARIO

Pianezza, un piazza per la Legalità nel nome di Falcone e Borsellino

Pianezza, un piazza per la Legalità nel nome di Falcone e Borsellino

MEMORIA