EMERGENZA SANITARIA

Giaveno, le associazioni di protezione civile controllano gli assembramenti

Chiesti più passaggi anche alle guardie giurate

23 Marzo 2020 - 16:49

Giaveno, le associazioni di protezione civile controllano gli assembramenti

Forze dell’ordine, guardie giurate e associazioni di protezione civile sono attivi in città per fare rispettare il “coprifuoco” ai giavenesi. «Sin dall’inizio dell’emergenza l’amministrazione ha chiesto maggiori controlli sul territorio per verificare e garantire il rispetto delle normative di distanziamento sociale necessarie a fermare il contagio da Covid-19 - spiegano dal Comune - L’apertura del Centro operativo comunale, ha permesso di coinvolgere nel pattugliamento del vasto territorio giavenese anche le associazioni di protezione civile, grazie al coordinamento della polizia locale».

«Ringrazio di cuore le associazioni che hanno dato la loro disponibilità e che nei giorni scorsi hanno già effettuato servizi serali e notturni. Sono Aib, Ana, Fipsas, Cai, Club Il Marinaio, Soccorso alpino, Vab e vigili del fuoco. I volontari di queste associazioni dimostrano ancora una volta una grande disponibilità al servizio della comunità e del territorio e la loro azione è indispensabile in questo momento - spiega il vicesindaco con delega alla sicurezza Stefano Olocco - Ringrazio anche la polizia locale che ha implementato i turni e che sta rispondendo alle tantissime richieste che arrivano al numero verde 800/ 212757».

Nel caso in cui le pattuglie di sorveglianza rilevino assembramenti si interfacciano con i carabinieri e con i vigili urbani che prendono i necessari provvedimenti. «Abbiamo anche chiesto a Sicuritalia di investire in maggiori passaggi soprattutto nelle ore serali e notturne per un migliore controllo delle zone critiche quali parchi e aree verdi o comunque nei luoghi che normalmente sono di aggregazione», aggiunge Olocco. «Nella mattinata di lunedì i vigili urbani hanno terminato il secondo giro in tutto il territorio con il megafono per recapitare lo stesso messaggio, anche nelle borgate, in modo che possa essere recepito da tutti», aggiunge la comandante della polizia locale Gianfranca Marotta. Non solo, l’invito a restare a casa è stato veicolato anche con gli sms del System Alert: venerdì 20 marzo e lunedì 23 marzo i cittadini hanno ricevuto un messaggio sul telefono con un comunicato del sindaco in cui li si invita a muoversi solamente per gravi necessità. Il sistema viene usato per dare comunicazioni rapide in caso di allarmi o emergenze quali ad esempio anche incendi o eventi meteo. Ci si può iscrivere lasciando i propri dati al link https://registrazione.alertsystem.it/giaveno?ttr=1

«Come da decreti e ordinanze, sono stati chiusi tutti i parchi, le aree verdi e le zone che possono diventare luoghi di assembramento», proseguono dal Comune. «Con maggiori controlli e purtroppo anche alcune denunce, possiamo ora dire che negli ultimi giorni le persone hanno capito la effettiva necessità di stare a casa ed uscire soltanto in casi di necessità quali sono quelli permessi (salute, lavoro, spesa). Invito ancora, per quanto riguarda la spesa, a programmare un approvvigionamento per più giorni, in modo da limitare le uscite», dice Olocco. «Qualche giorno fa ho invitato i miei concittadini a essere più diligenti. Ora credo che si sia capita la gravità della situazione e chiedo a tutti i giavenesi di continuare a rispettare le norme come stanno facendo ora. Soltanto uniti si può limitare il contagio - commenta il sindaco Carlo Giacone - Come amministrazione stiamo continuando a lavorare insieme agli uffici essenziali, per seguire l’evolversi della situazione a prendere i provvedimenti necessari. Stiamo ricevendo molti quesiti a cui rispondono i nostri uffici, al numero verde o alla segreteria del sindaco (011/ 9326423). Ho preso l’impegno, e lo sto mantenendo, di dare ogni giorno entro le 20 un bollettino ufficiale dei casi sul territorio e di quanto si sta facendo».

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

Ultim'ora

#restiamoacasa: tutte le raccomandazioni da seguire

#restiamoacasa: tutte le raccomandazioni da seguire

SALUTE

Le strade di Rivoli ai tempi del Coronavirus

Le strade di Rivoli ai tempi del Coronavirus

EMERGENZA

S.Antonino: da lunedì 16 parte la spesa a domicilio per gli over 65

La centrale via Torino deserta, oggi pomeriggio

S.Antonino: da lunedì 16 parte la spesa a domicilio per gli over 65

EMERGENZA

Alpignano, l'asilo nido Don Minzoni sospende la rata di marzo

Alpignano, l'asilo nido Don Minzoni sospende la rata di marzo

EMERGENZA

Rivoli: pagamenti sospesi per zona blu, asili nido e trasporto scolastico

Rivoli: pagamenti sospesi per zona blu, asili nido e trasporto scolastico

CORONAVIRUS

Rivoli: alimentari e farmaci a domicilio per gli anziani

Rivoli: alimentari e farmaci a domicilio per gli anziani

EMERGENZA

Chiusa S.Michele: sostegno alle famiglie per le rette della scuola materna

Chiusa S.Michele: fondi dal Comune per le rette della scuola materna

EMERGENZA

M5S: «Avviare sperimentazione farmaci anti-Coronavirus anche in Piemonte»

M5S: «Avviare sperimentazione farmaci anti-Coronavirus anche in Piemonte»

MEDICINA

Rivalta: accertato un secondo caso di Coronavirus

Rivalta: accertato un secondo caso di Coronavirus

EMERGENZA