CORONAVIRUS

S.Ambrogio, positiva anche la sindaca Falchero: «Restate a casa»

Martedì l’assenza di gusto e olfatto, poi il tampone rapido alla Cri. In isolamento anche le sue classi a scuola: «Non è come un’influenza»

13 Novembre 2020 - 00:23

S.Ambrogio, positiva anche la sindaca Falchero: «Restate a casa»

di MARCO GIAVELLI

Tra gli oltre 60 cittadini di Sant’Ambrogio attualmente positivi al Covid-19 c’è anche la sindaca Antonella Falchero. Che martedì 10 novembre, al sopraggiungere dei primissimi sintomi, ha effettuato volontariamente il cosiddetto “tampone rapido” che ha certificato l’avvenuta infezione: la prima cittadina si è immediatamente posta in isolamento domiciliare, in attesa di essere contattata dall’Asl per sottoporsi al tampone molecolare. «Il campanello d’allarme è suonato martedì a pranzo, quando ho notato l’assenza di gusto e olfatto - racconta - proprio in quei giorni ero in costante contatto con la Croce Rossa di Villardora per estendere anche a Sant’Ambrogio il servizio di test antigenici che alcuni comuni, tra cui Villardora, Giaveno e Bardonecchia, stanno attivando per i loro cittadini: ho quindi chiesto loro di poter effettuare un tampone rapido che ha dato esito positivo».

Una scelta fatta in via prudenziale, per accelerare i tempi rispetto alle note lungaggini della procedura standard e per poter allertare tempestivamente le tante persone che nei giorni scorsi sono state a contatto con lei: non dimentichiamo infatti che Antonella Falchero, oltre a essere sindaco, è anche insegnante alla scuola primaria Nino Costa di Sant’Ambrogio, dove le due classi in cui insegna sono da oggi in didattica a distanza. «Nel complesso sto relativamente bene: oltre all’assenza di gusto e olfatto ho la voce molto chiusa e un forte bruciore al naso, come se sentissi della polvere all’interno. Respiro solo con la bocca e mi sento tanto stanca, ma non ho febbre. Continuerò a svolgere il mio mandato da casa, in stretto contatto con gli uffici comunali e l’amministrazione: sono stata attenta ad evitare contatti, ho indossato la mascherina, ho evitato le riunioni non indispensabili, posso dire di essere stata coscienziosa nell’affrontare questo problema, ma tutto questo non è bastato. Forse insegnanti, infermieri, medici, amministratori, lavoratori sono soggetti più a rischio di contagio, ma nessuno può dire di essere al sicuro: per questo non si deve prendere sottogamba questa maledetta epidemia, che ci costringe a non frequentare le nostre persone più care, i nostri malati, i nostri amici, i nostri anziani».

A questo proposito, sulla base dell’esperienza che sta vivendo in prima persona, la sindaca evidenzia: «Ancora troppo spesso sento dire che in fondo è come un’influenza qualsiasi, ma non è vero. Puoi essere fortunato o sfortunato, prendertela in forma più lieve o più seria, ma di sicuro possiede una contagiosità a cui non siamo abituati. Oltre alla nostra salute, dobbiamo pensare alle persone più deboli, ai nostri anziani che potrebbero avere conseguenze gravissime: so bene che tutto ciò comporta enormi sacrifici per tutti, ma è questo il momento in cui dobbiamo tenere duro per poter stare meglio dopo, altrimenti l’emergenza si prolunga solo nel tempo. Comprendo benissimo quelli che stanno subendo danni economici e come Comune faremo quello che è nelle nostre possibilità per sostenerli, ma invito tutti ad essere scrupolosi nell’osservare le indicazioni: indossare la mascherina, non riunirsi, mantenere la distanza di almeno un metro, lavarsi e disinfettarsi le mani, e soprattutto rimanere a casa il più possibile. Prima telefonavo ai nostri cittadini positivi al virus cercando di capire la loro situazione famigliare, i loro bisogni, i loro stati d’animo. Adesso che lo sono anch’io li capisco di più: ora sono veramente vicina e partecipe alle loro paure e al loro disagio».

La Falchero rivolge infine un ringraziamento particolare alla Croce Rossa per quanto sta facendo nella gestione della pandemia: «Dopo l’esito positivo del test rapido, il mio pensiero è subito andato alle tante persone con cui, nel duplice ruolo di sindaco e insegnante, ho avuto contatti frequenti: oltre alla mia famiglia anche i dipendenti comunali, le colleghe, il personale scolastico, i bambini. Per questo ho chiesto alla Croce Rossa la disponibilità ad effettuare un test rapido a quanti, fra loro, volessero farlo. Devo dire che stanno svolgendo sul territorio un lavoro capillare e di grande aiuto, la loro presenza è palpabile e rincuorante. Stiamo appunto concordando con la Croce Rossa di Villardora un programma per eseguire tamponi rapidi anche a Sant’Ambrogio, solo in presenza di sintomi o se si è stati a contatto con persone positive. Comunicheremo modalità e date: allestiremo un punto dove, uno o due giorni a settimana, chiunque possa rivolgersi volontariamente».

su Luna Nuova di venerdì 13 novembre 2020

Inserisci un commento

Condividi le tue opinioni su Luna Nuova

Caratteri rimanenti: 400

Ultim'ora

Collegno, stop alle auto davanti alla scuola Leumann

Collegno, stop alle auto davanti alla scuola Leumann

VIABILITA'

La cultura valsusina ha perso il maestro Marcello Oliveri

La cultura valsusina ha perso il maestro Marcello Oliveri

LUTTO

Tav, i sindaci alla De Micheli: «Una nuova "Via" è ineludibile»

Tav, i sindaci alla De Micheli: «Una nuova "Via" è ineludibile»

TORINO-LIONE

Rivoli, panettoni per il personale del Pronto soccorso

Rivoli, panettoni per il personale del Pronto soccorso

SANITA'

Rivoli: a Cascine Vica avanza il cantiere per la metropolitana

Rivoli: a Cascine Vica avanza il cantiere per la metropolitana

TRASPORTI

Alpignano, lavori al ponte al via in primavera

Alpignano, lavori al ponte al via in primavera

VIABILITA'

Villardora, al via i tamponi rapidi: ecco come funzionano

Villardora, al via i tamponi rapidi: ecco come funzionano

CORONAVIRUS

Tav, incontro governo-sindaci rinviato a venerdì mattina

Tav, incontro governo-sindaci rinviato a venerdì mattina

TORINO-LIONE

Tav: mercoledì l'incontro tra l'Unione montana e la ministra De Micheli

Tav: mercoledì l'incontro tra l'Unione montana e la ministra De Micheli

TORINO-LIONE